Messina: Mario Biancuzzo, chiede interventi a tutela della costa di Timpazzi

LO FA INDIRIZZANDO UNA NOTA, ALLE DIVERSE AUTORITA' PREPOSTE

0
237

Il consigliere circoscrizionale del sesto quartiere Mario Biancuzzo, si rivolge ai sigg.ri ed alle autorità: “dirigente della Protezione Civile Comune di Messina, al Dipartimento della Protezione Civile Regione Sicilia, al Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio Roma, al sindaco della Città Metropolitana Messina ed all’ing. Capo del Genio Civile di Messina”.

Con una nota, avente ad oggetto: “Richiesta interventi sulla costa tratto Timpazzi – Orto Liuzzo Messina”.

“Anche se siamo in estate è doveroso da parte mia segnalare che nel tratto segnato in oggetto il mare continua ad avanzare verso le case di alcune frazioni. Infatti l’erosione degli ultimi anni prosegue la sua avanzata. La preoccupazione cresce nei residenti e nei proprietari di seconde case che hanno acquistato gli immobili con sacrifici. Il mare punta veramente verso le case e sicuramente il prossimo inverno alcuni tratti potrebbero essere cancellati dalla furia dei marosi”.

“Non si tratta di allarmismo, ma dell’obbligo di guardare in faccia la realtà. L’inverno scorso i marosi, con forza, hanno continuato a danneggiare ed aggredire il territorio. In particolare ho accertato che in alcuni villaggi la situazione è molto grave, ad Orto Liuzzo, il mare ormai è sotto le case, sono convinto che il prossimo inverno alcune abitazioni saranno cancellate dalla furia aggressiva e possente del mare. Tutta la costa fino a Timpazzi è a rischio non si può aspettare l’irreparabile. A rischio Acqualadrone. Bene hanno operato gli uffici preposti del Genio Civile, della Protezione Civile del Comune di Messina e l’Assessore ai lavori pubblici, approvando un piano da 12 milioni di euro per la riviera nord, ma bisogna fare presto i marosi non aspettano la burocrazia”.

“L’intera popolazione ormai deve convivere con la forza possente dei marosi e con il grande rischio idrogeologico delle coste adiacenti alle opere pubbliche e abitazioni private. L’intera costa rispetto all’anno 2000 presenta un evidente assottigliamento della spiaggia che costituiva una -Spiaggia di alta valenza Turistica-, sono state messe nudo le scogliere poste parallelamente alla linea di costa. Grazie all’ing. Capo del Genio Civile Leonardo Santoro che nella conferenza speciale tenutasi il 18 gennaio 2017 presso gli uffici del Genio Civile ha espresso parere favorevole sul progetto preliminare di mitigazione del rischio idrogeologico e di erosione costiera. Il progetto, per 12 milioni e 350.000 euro, finalizzato alla messa in sicurezza, dal pericolo – mareggiate. Diversi progetti sono stati inseriti nello sblocca Italia finanziati dal Governo Nazionale Litorale Timpazzi – Casabianca Tono importo 3 milioni 649 mila euro”.

“Protezione del versante di Acqualadrone 350 mila euro. Progetti Caporasocolmo – San Saba, Giudeo – Rodia. Anche se non sono un tecnico, sono convinto che gli interventi debbono essere fatti in contemporanea con diverse ditte iniziando da Orto Liuzzo direzione Messina e Timpazzi direzione Ponte Gallo”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO