Nascondeva la droga, nella sua abitazione a Messina

ARRESTATO DALLA SQUADRA MOBILE

0
423

Si era attrezzato, di telecamere per la sorveglianza del perimetro dell’abitazione dove nascondeva la droga, ma la Polizia lo ha arrestato.

Dalla lettura di una nota, si evidenzia che: “è genovese di origine ma residente a Messina, il quarantatreenne tratto in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio nella giornata di venerdì 30 giugno, dalla Squadra Mobile della Città della Stretto con la collaborazione dell’unità cinofila del locale Gruppo della Guardia di Finanza”.

“Una perquisizione presso l’abitazione del predetto portava al rinvenimento di un ingente quantitativo di cocaina, marijuana ed hashish oltre ad un’agenda con manoscritti di conteggi e nominativi e la cifra contanti di € 1.000.00 conservata nella tasca di un indumento riposto nell’armadio della stanza da letto”.

Un’organizzazione da vero professionista del campo evidenziata da un sofisticato sistema di sorveglianza: “4 telecamere posizionate sul tetto della palazzina e collegate a due televisori, collocati uno nel salone d’ingresso l’altro in cucina, davano un’ampia panoramica sia del piazzale condominiale che del retro. L’uomo aveva in tal modo la possibilità non solo di monitorare ed organizzare il flusso dei clienti ma anche di vigilare costantemente l’accesso all’area condominiale per eventualmente disfarsi degli stupefacenti in caso di sortite delle Forze dell’Ordine, come effettivamente tentava di fare nel corso dell’attività di polizia”.

“Ed infatti la sostanza meglio sopra precisata veniva lanciata all’interno di un sacchetto di plastica dalla finestra dell’abitazione e raccolta prontamente dagli operatori di polizia che molto opportunamente avevano circondato il perimetro della palazzina. Sostanza stupefacente veniva rinvenuta anche all’interno dell’abitazione e più precisamente in un portacenere avvolta in della carta stagnola”.

“Agli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza, l’uomo, nella mattinata odierna, è stato sottoposto a processo per direttissima”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO