Pizzo Calabro (VV): tragedia nella Caserma dei Carabinieri, morto il maresciallo capo

PAOLO FIORELLO, 36 ANNI, SI E' SPARATO UN COLPO DI PISTOLA ALLA TESTA

0
1008

Una notizia ferale, di quelle lasciano sgomenti, questa mattina intorno alle ore 8 il maresciallo (comandante) della Stazione dei Carabinieri di Pizzo Calabro (VV), Paolo Fiorello 36 anni (originario di Palermo) si è suicidato sparandosi un colpo di pistola (quella d’ordinanza) alla testa, mentre si trovava nella propria stanza. Guidava la Stazione dell’Arma dal 2013.

La delicata scoperta, è stata fatta dai commilitoni (presenti nella struttura della Benemerita) che immediatamente hanno dato l’allarme chiedendo il soccorso del 118, i cui sanitari intervenuti non hanno potuto far altro che constatare il decesso (avvenuto quasi sul colpo) dell’appuntato. Sul posto, si è recato il colonnello Gianfilippo Magro accompagnato dal comandante dei Carabinieri di Vibo Valentia Piermarco Borretaz.

Dei fatti accaduti, come di rito, è stata informata la locale Procura della Repubblica, il magistrato di turno ha provveduto pertanto ad aprire un fascicolo d’inchiesta.

Quella di Fiorello, è una famiglia con una storica appartenenza al Corpo del quale faceva parte, lo era il padre (deceduto da qualche anno), così come il fratello in servizio a Roma. Questa tragedia, lascia sgomenta una intera cittadina che aveva avuto modo di apprezzare le non comuni doti umane ed il grande impegno profusi sul lavoro, da parte di chi oggi ha deciso di togliersi la vita.

Il primo cittadino di Pizzo, Gianluca Callipo, dopo aver appreso la notizia, ha scritto: “la comunità è sconvolta dalla notizia della morte del maresciallo Paolo Fiorello, comandante della locale Stazione dei Carabinieri. Notizia che ho appreso mentre sono lontano da Pizzo per impegni istituzionali legati alla mia attività in Anci. Tutti noi avevamo grande rispetto, stima e affetto per questo giovane servitore dello Stato che ha sempre interpretato il suo ruolo con umanità e autentico senso del dovere. La disponibilità e l’efficienza del comandante Fiorello ne facevano un punto di riferimento imprescindibile per i cittadini e l’Amministrazione comunale, con la quale c’è sempre stato un rapporto di grande sinergia”.

Questa, la chiosa di Callipo: “la sua scomparsa rappresenta dunque una grande perdita per l’intera città, letteralmente annichilita da questa tragica notizia. A nome dell’intera cittadinanza, porgo le più sentite condoglianze ai familiari del maresciallo Fiorello, ai Carabinieri della Stazione di Pizzo, al comandante della Compagnia di Vibo Valentia, il capitano Piermarco Borettaz, e al comandante provinciale dell’Arma, il colonello Gianfilippo Magro”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO