La Giunta Accorinti, sull’Operazione “Beta”

"ABBIAMO REALIZZATO ROBUSTI ANTICORPI, A TUTELA DELLA VITA CIVILE"

0
402

Una nota del sindaco e degli assessori di Palazzo Zanca, per evidenziare la propria posizione sulle vicende giudiziarie delle ultime ore, questo è lo scritto che segue: “in merito a quanto emerso dalle indagini della magistratura circa l’esistenza di una entità mafiosa di primo piano che, col coinvolgimento di insospettabili, ha inquinato la vita economica e amministrativa della città, l’Amministrazione Accorinti esprime tutta la sua preoccupazione”.

“Questi fatti, tuttavia, dimostrano che l’azione amministrativa di tutela della legalità e prevenzione dalle contaminazioni mafiose ha avuto pieno successo. In particolare, il tentativo di lucrare su un bando è abortito sul nascere, grazie principalmente a due fatti. In primo luogo, la Giunta ha deciso di non seguire l’iter precedentemente definito che individuava un unico soggetto per l’acquisto degli alloggi, ma di rivolgersi all’ampia platea del libero mercato, consentendo l’acquisto di alloggi da più soggetti”.

“In secondo luogo, a tutela dell’interesse pubblico, si è realizzata una vera competizione, offrendo prezzi non compatibili con le speculazioni. Di fronte a ciò il gruppo mafioso che aveva -odorato- profumo di affari si è ritirato prima ancora che il verminaio venisse scoperchiato”.

Il Sindaco, Renato Accorinti, dichiara: “in questi quattro anni abbiamo realizzato robusti anticorpi a tutela della vita civile e a garanzia della impermeabilità della macchina amministrativa ai tentativi di condizionamento della criminalità o di associazioni occulte deviate. In tale direzione, tra le altre cose, è stato redatto e annualmente aggiornato il piano triennale dell’anticorruzione e della trasparenza amministrativa, è stato adottato il protocollo di legalità, estendendolo anche alle società partecipate, sono stati realizzati protocolli di trasparenza e legalità anche in attività apparentemente minori, come la Commissione per la Denominazione Comunale, l’obbligo di dichiarare appartenenza ad associazioni segrete per ogni candidatura, le ordinanze di restrizione del gioco d’azzardo ed è stato attivato un penetrante sistema di controlli interni”.

“Da ultimo, avendo la Giunta già da più di un anno adottato il regolamento antimafia, auspichiamo adesso che il Consiglio comunale possa approvarlo in tempi rapidi”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO