Messina: parte la campagna elettorale, di Cateno De Luca Sindaco della citta’

"NON SONO NATO PER STARE NEI PARLAMENTI, MA IN TRINCEA"

0
258

Al via la campagna elettorale per Cateno De Luca sindaco di Messina: “Io sono pronto ma ora i messinesi dovranno stabilire se si va fino in fondo evitando che questa mia disponibilità sia stata un vano tentativo di scardinare il micidiale fancazzismo che impera nei palazzi del potere che governano Messina.

Ed intanto De Luca presenta ulteriori esposti al Consiglio Superiore della Magistratura, al Procuratore Generale Cassazione ed al Ministro della Giustizia per attivare l’azione ispettiva nei confronti del Tribunale di Messina e disciplinare nei confronti del Presidente del Collegio, Mario Samperi, di un altro componente del collegio, Valeria curatolo, e del procuratore generale Vincenzo Barbaro. Sugli incendi afferma: “Amministrazione incapace”.

Non sono nato per stare nei parlamenti ma per stare in trincea e lavorare per cambiare concretamente il nostro tessuto socio economico applicando le sane regole del buon governo delle municipalità e garantendo un radicale ricambio generazionale della politica siciliana imposto con la forza dirompente e popolare proveniente dal territorio“.

Così ha esordito Cateno De Luca all’inizio della conferenza stampa per ufficializzare l’avvio di una lunga campagna elettorale per la conquista di palazzo Zanca che si concluderà a maggio 2018 durante un’affollata conferenza stampa al ritrovo “La dolce vita” di piazza Duomo. De Luca ha spiegato che saranno costituiti 500 comitati per “De Luca sindaco di Messina” e saranno svolti oltre 1000 incontri su tutto il territorio cittadino con la popolazione e con gli ordini professionali, associazioni, ed istituzioni pubbliche. “Dopo le ottime esperienze maturate come sindaco di Fiumedinisi e Santa Teresa di Riva desidero proseguire la mia missione di Sindaco nella principale comunità che ritengo strategica per rendere protagonista la Sicilia orientale e che allo stato attuale non è solo male amministrata, ma anzi è senza alcuna guida politica amministrativa degna di questo nome“.

Non mi appartengono e non condivido – prosegue De Luca – le auto candidature non suffragate da elementi di concreta praticabilità e quindi affiderò esclusivamente ai messinesi, e non alle segrete stanze dei salotti di potere, il compito di decidere se io possa essere all’altezza di svolgere il ruolo”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO