Palazzo Piacentini: assolti dalla Corte d’appello, Giuseppe Buzzanca e Mario Briguglio

EX SINDACI DI MESSINA E SCALETTA ZANCLEA, CHE FURONO CONDANNATI A 6 ANNI PER OMICIDIO COLPOSO PER I FATTI RELATIVI ALL'ALLUVIONE DI GIAMPILIERI DELL'UNO OTTOBRE 2009

0
162

Poco prima delle ore 19, è arrivata l’attesa sentenza del processo d’appello sull’alluvione di Giampilieri dell’uno ottobre 2009, che oltre il villaggio a sud di Messina devastò Scaletta Zanclea ed altri centri abitati vicini. In primo grado, a sei anni furono condannati gli allora sindaci di Messina e Scaletta Zanclea, Buzzanca e Briguglio.

Oggi invece, il collegio della Corte presieduto dalla dottoressa Maria Celi e composto dai giudici, Carmelo Blatti e Bruno Sagone ha esteso (leggendolo) il verdetto di assoluzione dopo aver sciolto la “camera di consiglio” durata quattro ore.

L’ex primo cittadino di Messina, Giuseppe Buzzanca, è stato assolto dall’originaria accusa di omicidio colposo plurimo, con la formula: “perché il fatto non sussiste”.

Stesso epilogo, per Mario Briguglio ex sindaco di Scaletta Zanclea. Dunque per la strage (che sembrerebbe fino ad ora essere imputabile alla natura e non alla mano dell’uomo), non vi sono colpevoli. I togati della Corte d’appello di Palazzo Piacentini, nel confermare le assoluzioni già disposte in prime cure, hanno fra l’altro rigettato i ricorsi.

Durante il primo giudizio di merito, furono già assolti: “Salvatore Cocina (responsabile della Protezione Civile), Gaspare Sinatra (commissario straordinario di Messina), Antonino Savoca (tecnico del Comune di Scaletta), Alberto Pistorio ed altre persone tra funzionari regionali, comunali oltrechè alcuni progettisti”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO