La storia, di… un “amore criminale”

QUELLO TRA VERONICA VALENTI E L'EX FIDANZATO GORA MBENGUE, UN SENTIMENTO COSTATO LA VITA ALLA RAGAZZA ORIGINARIA DI BELPASSO

0
1205

Ieri in seconda serata, su Rai 3, la seconda puntata della trasmissione “Amore Criminale”, condotta da Asia Argento ha trattato fra le altre la vicenda legata alla morte di Veronica Valenti, una 30enne originaria di Belpasso che all’epoca dei fatti (il 26 ottobre 2014) fu uccisa dall’ex fidanzato senegalese, il 27enne Gora .

La ragazza, negli ultimi istanti della sua vita dopo aver terminato il suo turno di lavoro alle 21, in quella giornata domenicale, chiamò al telefono il padre riferendogli che non più tardi di una mezz’ora sarebbe rientrata a casa, ma purtroppo non fù così.

Infatti, pare che successivamente tra lei e Gora vi sia stato un ultimo contatto per vedersi nuovamente dopo che nello stesso pomeriggio in un bar nei pressi della Stazione centrale di Catania litigarono perchè Veronica era irremovibile nel voler troncare la relazione fra i due.

Quindi, gli ormai ex fidanzati si incontrarono in via Tezzano nei pressi dello scalo ferroviario etneo e nelle vicinanze dell’abitazione dell’omicida. A bordo della Peugeot 106 di proprietà della vittima dopo una discussione, avvenne l’omicidio. Una giovane vita, stroncata da 60 fendenti sferrati con un coltello. Il corpo della donna, venne trovato riverso sul volante della propria vettura.

Al termine del cruento episodio di sangue, l’autore del folle gesto si diede alla fuga, visto da un testimone mentre si allontanava, ma soprattutto da due fidanzati che dal loro appartamento posto al primo piano di una palazzina sita nel luogo teatro dei fatti gli gridarono di fermarsi.

Subito dopo gli avvenimenti, la Polizia accorsa immediatamente per verificare l’accaduto si mise sulle tracce del ragazzo, rintracciandolo in via Plebiscito, grazie all’aggancio del suo telefono cellulare in una cella di trasferimento. Immediatamente bloccato, non oppose alcuna resistenza e condotto in Questura durante un interrogatorio ammise spontaneamente le sue responsabilità.

Dalla ricostruzione fornita da Mbengue, sarebbe emersa la premeditazione del delitto, infatti il cittadino straniero si recò all’appuntamento con un coltello (l’arma del delitto), la assassinò, colpendola al lato sinistro dell’addome ed alla schiena. Veronica lavorava all’Ikea di Catania, era di Belpasso, aveva tanti amici e amava divertirsi.

Un anno prima del giorno fatale, incontrò Gora Mbengue in una discoteca: “lui era molto noto negli ambienti della movida catanese. Faceva il magazziniere ed era ambulante abusivo, si arrangiava per cavarsela, aveva il pallino delle belle macchine. La Valenti cercava distrazione, attenzione, affetto”.

Viveva con il papà Giuseppe, tecnico specializzato in servizio alla base militare di Sigonella, in via Quarta Retta Levante, al civico 251: “facevano squadra i due, dopo la dolorosa morte della madre”.

Gora Gorino. Boy Jordan. The Boss. Senza alcun vizio, non beveva né fumava, amante della musica hip hop. Per colpa delle sue bugie, della sua passione per le belle donne, ciò in cui credeva tanto finì. Un cambiamento, che nel rapporto con Veronica si fece ancora più marcato.

Questa è la vicenda, di legame nato male perchè contrastato dal genitore di lei e finito in modo tremendo. A testimoniare tutto, resta una panchina dipinta di “rosso” a Belpasso simbolo della lotta per contrastare la violenza sulle donne ed una condanna a 30 anni di reclusione per colui che ha voluto rovinare due vite.

Giuseppe Calabrò, il parroco (che celebrò le esequie) della Chiesa madre di Belpasso, durante l’omelia disse: “con questo gesto assurdo, in Veronica, è stato un’altra volta ucciso Gesù. E’ stato ucciso l’amore. Allora io mi sono detto, dobbiamo recuperare l’amore di -Dio- nei nostri cuori feriti”.

Non solo quelli della famiglia, degli amici che hanno conosciuto Veronica, ma di tutti noi, che nell’umanità di cui facciamo parte siamo stati: “umiliati, offesi, feriti”.

Amore Criminale

Pubblicato da Filippo Pansera su Domenica 13 agosto 2017

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO