Daniele Ialacqua: “E se cominciassimo a levare, alcuni nomi dalle vie cittadine?”

AD ESEMPIO NINO BIXIO

0
747

Ad alzare il livello della discussione che sta avvenendo in questi giorni a Messina, ci pensa l’assessore (della Giunta Accorinti), Daniele Ialacqua, che scrive: “proporrei di allargare e vivacizzare l’attuale -dibattito- sulla toponomastica cittadina discutendo sull’opportunità di mantenere in alcune vie il nome di chi non ha portato certo lustro al nostro Paese e figuriamoci alla Sicilia o alla nostra città”.

Ialacqua, termina il proprio intervento in tal modo: “si potrebbe iniziare ad esempio con Nino Bixio, responsabile del massacro di Bronte, che represse nel sangue la voglia di giustizia e libertà di contadini e popolani. Per non parlare di altri eroi risorgimentali che si distinsero per soprusi, violenze e saccheggi, senza dimenticare casa Savoia che consegnò il Paese nelle mani di Mussolini e dei nazi-fascisti. Se polemica ci deve essere sulla toponomastica, che si ampia ed a 360°”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO