Noemi Durini, ad ucciderla il fidanzato 17enne [Video]

RITROVATO A CASTRIGNANO DI LEUCA, IL CORPO DELLA 16ENNE DI SPECCHIA IN PROVINCIA DI LECCE

0
551

13 settembre – L’omicidio di Noemi Durini – “L’ho uccisa”: ha confessato dopo essere stato messo alle strette dagli inquirenti il fidanzato di 17 anni della 16enne di Specchia in provincia di Lecce, scomparsa lo scorso 3 settembre ed uccisa molto probabilmente lo stesso giorno.

Le ultime ore di vita della ragazza
Noemi, è uscita in fretta senza portare nulla con sè alle 5 del mattino dello scorso 3 settembre insieme al ragazzo con cui divideva la vita ed alla fine è stato colui il quale l’ha ammazzata. Il ragazzo malgrado la giovane età, era abituato comunque a guidare pur sprovvisto di patente, quel giorno ha fatto salire a bordo della Fiat 500 di famiglia, la vittima. Molto probabilmente diretti verso Castrignano del Capo (vicino Leuca), dove in aperta campagna sotto gli alberi di ulivo ed in una zona con i caratteristici muretti a secco la sfortunata donna sarebbe stata finita a colpi di pietra. L’esecutore del fatto di sangue, è caduto in contraddizione davanti ad i magistrati che lo interrogavano, avrebbe infatti riferito di aver lasciato Noemi nei pressi del campo di calcio.

La svolta nelle indagini
L’Autorità Giudiziaria, rappresentata dalla Procura per i minorenni di Lecce nelle scorse ore aveva iscritto il nome dell’uccisore nel registro degli indagati per avere la possibilità di compiere i necessari accertamenti, si è proceduto con l’ipotesi di omicidio volontario. Mentre con l’accusa di sequestro di persona e occultamento di cadavere è indagato il padre 41enne dell’omicida.

Gesti violenti del fidanzato
Qualche giorno fa, in un parcheggio nei pressi del bar di Alessano, il 17enne è stato visto dal conducente (che lo ha filmato) di un’auto in transito mentre rompeva i vetri di una Nissan Micra della quale era proprietaria una ragazza con la quale poco prima aveva avuto un diverbio a causa del fatto che l’interlocutrice lo esortava a confessare la verità. Era in cura presso il Servizio per le Tossicodipendenze della Asl, per il ricorso da parte sua alle droghe leggere. Di temperamento irascibile, non riusciva a tenersi calmo, in passato è stato sottoposto anche a tre Trattamenti sanitari obbligatori.

Le esitazioni ed i dubbi dei familiari di Noemi
Tra il ragazzo ed i parenti dell’uccisa non correvano buoni rapporti per la sua gelosia e possessività, ma non solo, infatti come dice Davide il cugino di chi ora non c’è più, lui la picchiava. Non voleva che vedesse altre persone. Tempo fa, la madre di Noemi, Imma Rizzo per cercare di trovare una soluzione al dramma vissuto dalla figlia denunciò l’assassino ai giudici, chiedendo loro di allontanarlo. Ma nessun provvedimento cautelare, fù mai stato emesso.

Il 23 agosto scorso
Noemi, pubblica su Facebook queste parole (tratte dalla pagina Amor De Lejos Amor De Pedejos):
-non è amore se ti fa male.
-non è amore se ti controlla.
-non e ‘amore se ti fa paura di essere cio’ che sei.
-non è amore, se ti picchia.
-non è amore se ti umilia.
-non è amore se ti proibisce di indossare i vestiti che ti    piace.
-non e ‘amore se dubiti della tua capacita’ intellettuale.
-non è amore se non rispetta la tua volontà.
-non e ‘ amore se fai sesso.
-non è amore se dubiti costantemente della tua parola.
-non è amore se non si confida con te.
-non è amore se ti impedisce di studiare o di lavorare.
-non è amore se ti tradisce.
-non e ‘ amore, se ti chiama stupida e pazza.
-non è amore se piangi più di quanto sorridi.
-non è amore, se colpisce i tuoi figli.
-non è amore, se colpisce i tuoi animali.
-non e ‘ amore se mente costantemente.
-non è amore se ti diminuisce, se ti confronta, se ti fa  sentire piccola.
Il nome e ‘ abuso.
E tu meriti l’amore. Molto amore.
C’è vita fuori da una relazione abusiva.
Fidati!

Adesso, spazio ad un filmato di “Chi l’ha Visto”, il programma di Rai 3.

Video: Il fidanzato di Noemi frantuma i vetri di un'auto

+++ "L'ho uccisa": il fidanzato 17enne di Noemi ha confessato. Trovato in un pozzo nelle campagne di Castignano del Capo (Lecce) il corpo della ragazza. E' stato lo stesso fidanzato a portare i carabinieri sul posto. Noemi uccisa il giorno stesso della scomparsa, forse a colpi di pietra.

Pubblicato da Chi l'ha visto? su Mercoledì 13 settembre 2017

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO