A Limbadi (Vibo Valentia), la fiaccolata: “#iosonomatteo”

IN RICORDO DEL 42ENNE MATTEO VINCI, UCCISO DA UNA AUTOBOMBA

0
212

Sono stati circa cinquecento ieri sera, i partecipanti alla fiaccolata organizzata a Limbadi (Vibo Valentia), per ricordare il 42enne Matteo Vinci rimasto ucciso nel pomeriggio dello scorso 9 aprile, mentre a bordo della sua Ford Fiesta ed assieme al padre 75enne (che ha riportato diverse ferite), in località Cervolaro è rimasto vittima di un attentato incendiario, caratterizzato dall’esplosione di una autobomba.

A promuovere l’iniziativa, sono stati i responsabili della lista “Limbadi Democratica”, una formazione nella quale la vittima si era candidata alle ultime elezioni comunali. Una volta radunatisi, i manifestanti, hanno seguito il percorso che li ha portati a raggiungere la casa di Matteo Vinci, il tutto nel più assoluto silenzio, per poi confluire nella piazza più importante del paese.

La manifestazione, ha visto anche l’adesione dell’Amministrazione comunale, con in testa il primo cittadino Pino Morello, che ha capeggiato il corteo. Con lui, tanti altri amministratori dell’Ente locale ed anche di altri vicini centri della provincia calabrese. Folta poi, la compagine sindacale, così come quella di associazioni e comunità religiose, tra cui “Libera”. Infine, ha voluto far sentire la sua presenza, Arturo Bova (presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta del Consiglio regionale della Calabria).