A Messina: i rapporti tra Emilia Barrile, ed i fratelli Pernicone

CON IL PRESSING AL COMUNE, PER IL CONCERTO DEI POOH A GIUGNO DEL 2016

0
485

Inizia con un ampio omissis il verbale di una importante operazione giudiziaria (che vede coinvolta l’ex Presidente del Consiglio Comunale, Emilia Barrile, descritta in questo articolo del giornalista Antonio Mazzeo, che specifica: “facilitare alcuni imprenditori a lei vicini, interessati alla gestione del servizio ristoro e parcheggi dello stadio comunale in occasione delle partite del Messina calcio e di alcuni grandi concerti, in particolare quello dei Pooh nel giugno 2016”.

“Va detto che i magistrati non hanno rilevato alcun comportamento illecito da parte di De Francesco (il dirigente non risulta infatti tra gli indagati). Ma quella della concessione dello stadio San Filippo è tra le vicende più eclatanti – secondo gli inquirenti – per provare come Emilia Barrile fosse capace di -interferire, in particolare, sull’operato degli uffici comunali, esercitando un’attività di pressione e di condizionamento, in ordine ad una pratica amministrativa di interesse dei fratelli Angelo e Giuseppe Pernicone (soggetti raggiunti da ordinanza di custodia cautelare nell’ambito della cosiddetta Operazione Matassa in quanto gravemente indiziati di essere partecipi di un pericoloso clan mafioso locale)-”.

“Per i magistrati peloritani, proprio in vista del concerto del popolarissimo gruppo musicale italiano, la Barrile avrebbe esercitato indebitamente il proprio status istituzionale per fare assegnare ai Pernicone le attività di steward ed i parcheggi nelle aree di pertinenza dello stadio, -ricevendo, in contropartita, dai Pernicone, la promessa che, in occasione del concerto in questione, nell’attività di ristorazione prevista, e nella percezione dei relativi introiti, sarebbe stata coinvolta anche la cooperativa Peloritana Servizi (o, comunque, altra impresa riferibile a Emilia Barrile e del commercialista Marco Ardizzone, o soggetti o costoro, parimenti, riferibili)-”.

A partire dal mese di maggio 2016, in prossimità della stagione estiva, riprendevano, infatti, i contatti tra i fratelli Pernicone e il duo Barrile-Ardizzone: “contatti che si erano interrotti una volta definita la questione relativa alla sistemazione della stagione calcistica, scrive il Giudice per le indagini preliminari, dottoressa Tiziana Leanza”.

“L’oggetto di tale nuovo intensificarsi delle relazioni, testimoniato da una serie di telefonate volte alla programmazione di un incontro, veniva chiarito nel corso di una telefonata registrata il 2 maggio 2016 tra la Barrile e l’Ardizzone nel corso della quale la prima ragguagliava il secondo in merito all’argomento trattato con Pernicone Giuseppe durante un convegno appena svoltosi, attinente nella sostanza a una richiesta di intercessione della Barrile presso gli uffici comunali per far conseguire ai Pernicone la concessione del servizio parcheggi per il concerto dei Pooh, il cui organizzatore era un imprenditore catanese che a breve le sarebbe stato presentato”.

“Il giorno seguente, secondo gli inquirenti, l’allora Presidente del Consiglio comunale -si attivava con Salvatore De Francesco, dirigente del Comune di Messina, responsabile ad interim del dipartimento Sport – Turismo – Cultura e Tempo Libero al fine di facilitare i Pernicone nel conseguimento delle concessioni cui ambivano-“.

“La Barrile si prodigava inoltre a far ottenere all’impresa catanese la concessione di utilizzo del san Filippo”.

Tanto si ricavava da una serie di contatti telefonici registrati tra il 5 e il 10 maggio 2016 tra la Barrile, il De Francesco e i due Pernicone, volti a concordare un incontro presso gli uffici del Comune per trattare la questione alla presenza, anche, dell’impresario catanese; “incontro che aveva luogo il 10 maggio 2016”.

“L’intervento della Barrile sortiva I’effetto auspicato, scrive il Gip del Tribunale di Messina. “Il giorno stesso, infatti, il dipartimento comunale delle politiche culturali e ricreative istruiva e proponeva alla Giunta, che la approvava in pari data, la deliberazione relativa alla concessione dello stadio san Filippo all’impresa Musica e suoni di La Ferlita Sebastiano & c. s.n.c. con sede in Catania, per la realizzazione del concerto previsto per il 18 giugno 2016. A distanze di poche settimane, la Giunta comunale, su proposta istruita dal De Francesco, quale dirigente del summenzionato dipartimento comunale, autorizzava la società del La Ferlita a gestire anche i parcheggi ubicati nell’area dello stadio, in occasione dell’evento musicale in questione”.

“Nonostante l’esito positivo del pressing di Emilia Barrile, l’arresto dei fratelli Angelo e Giuseppe Pernicone, avvenuto in quegli stessi giorni nell’ambito dell’inchiesta Matassa, non consentiva di dare luogo alla -programmata spartizione- del servizio ristorazione e parcheggi. Al maxi-concerto dei Pooh, il catering sarà poi affidato all’impresa -L’Ancora di Vincenzo Franza, mentre la gestione del parcheggio andrà ad un’impresa riconducibile a Raffaele Lello Manfredi”.