Brescia: per un bimbo e la sua famiglia, un regalo di Natale

ACCOLTO, L'APPELLO DIFFUSO DAL COMITATO DEI CITTADINI PER I DIRITTI UMANI ONLUS

0
928

Un importante sodalizio associativo che tutela i bambini ha diffuso questa nota nella quale evidenzia che: “è stato ascoltato l’appello del Comitato di Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus. Oggi, sabato 23 dicembre, alcuni cittadini e associazioni si recheranno presso la casa di questa famiglia del bresciano per sistemare la casa e permettere a una mamma e a un bambino di rientrarci. Anche la ditta Iannuzzi impianti elettrici e industriali di Poviglio (Reggio Emilia) ha dato la sua disponibilità per sistemare e mettere a norma l’impianto elettrico. Ci auguriamo di trovare presto anche un idraulico. I cittadini locali hanno risposto così alla notizia di un bambino di soli due anni allontanato dai Servizi Sociali dopo un’ispezione dell’ATS di Brescia che aveva riportato che -i locali si presentano in condizioni igieniche inadeguate-“.

Gli ispettori dell’ATS avevano anche rilevato la non conformità di alcune parti dell’impianto elettrico e termoidraulico. La notizia aveva sollevato non poche polemiche e perplessità perché nel provvedimento era stata presentata una motivazione tacciata di pressapochismo psichiatrico: “le maestre dell’asilo nido avevano scritto che il bambino presentava dei -segnali di disagio quali toe-walking (deambulazione in punta di piedi) e scarso rispetto delle regole”.

“Per fortuna ora il bambino è stato ricollocato temporaneamente con la mamma in una comunità mamma-bambino, ma si tratta pur sempre di una collocazione che viola il diritto alla vita familiare garantito dalle convenzioni europee sui diritti umani. -Il nonno e lo zio del bambino sperano di poterlo abbracciare per le feste natalizie-“.

Sonia Manenti, del Comitato di Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus, riferisce: “siamo commossi dalla risposta della cittadinanza al nostro appello e ringraziamo tutti per la loro sensibilità. Ringraziamo anche la ditta Iannuzzi Impianti Elettrici e Industriali di Poviglio. Ci auguriamo che presto potremo fare il regalo più bello a questo bambino: tornare nella sua casa con la sua mamma e la sua famiglia”.