“Ci siamo”

LO SCRIVONO GLI ORGANIZZATORI DELLA MANIFESTAZIONE..., -PROFUMI D'AUTUNNO- CHE SI TERRA' AD ALTOLIA (UNA FRAZIONE DI MESSINA) IL 26 ED IL 27 OTTOBRE A PARTIRE DALLE ORE 17.00

370

“Ci siamo”! Lo scrivono gli organizzatori di una manifestazione che si terrà a Messina il 26 e 27 ottobre prossimi, a partire dalle ore 17.00.

Continuano così: “ancora pochi giorni per il grande evento del Borgo a Sud della Città…, -Profumi d’autunno-, voluto dall’Associazione Culturale Michelangelo Trimarchi per una grande rinascita del nostro villaggio, vi aspettiamo numerosi… non mancate”!

Il sodalizio associativo, presieduto da Pancrazio Siracusano, ha presentato, nella Sala Commissioni del Comune (presenti il presidente del Consiglio comunale Claudio Cardile ed il vice Nino Interdonato) la manifestazione con profilo enogastronomico, che si svolgerà ad Altolia.

Ha precisato a nome degli organizzatori Gabriele Bonfiglio: “questo progetto, serve a favorire lo sviluppo della selvicoltura e tutte le attività connesse, per una riscoperta e valorizzazione del borgo cittadino assai ricco di tradizioni. La popolazione altolese, vuole, attraverso questa sagra autunnale denominata -Profumi d’autunno-, valorizzare i prodotti tipici come vino locale, funghi, olive, pane fatto in casa, pasta fresca, biscotti, pidoni e quanto di buono il vilaggio della zona sud, per vocazione e tradizione, riesce a portare sulle tavole dei messinesi”.

Tra i vari prodotti, in particolare sarà celebrata la castagna, che rappresenta di fatto la vittoria degli altoliesi, autotassatisi per salvare i castagneti da tempo infestati dalla Cinipide, un insetto che aveva attaccato le coltivazioni locali rischiando di portare gli alberi ed il suo pregiato frutto all’estinzione.

Ha concluso Giovanni Crisafulli: “il risorgere dei castagneti è stato colto da noi altoliesi, come un buon presagio per la rinascita e la riscoperta del borgo e siamo fiduciosi che -Profumi d’autunno- potrà diventare un appuntamento fisso anche nei prossimi anni perché alla base vi è il sostegno di tutta la popolazione che ha lavorato affinché questo appuntamento fosse reso possibile”.