Clara Crocè: “Anche per il sindacato, l’ultimo giorno dell’anno è tempo di bilanci”

E' SOPRATTUTTO, IL GIORNO DELLA PROGRAMMAZIONE E DEI BUONI PROPOSITI"

0
807

Per Clara Crocè segretaria regionale della FP CGIL Sicilia e segretaria confederale della CGIL di Messina, l’ultimo giorno dell’anno, è si per gli auguri di un buon 2018. Ma anche per il Sindacato è tempo di bilanci. Non è soltanto il giorno della riflessione su quanto realizzato nel 2017, ma è soprattutto il giorno della programmazione e dei buoni propositi per l’anno che verrà”.

La Crocè, afferma: “dobbiamo guardare al nuovo anno con fiducia e nuova carica emotiva. Lo dobbiamo a noi stessi e ai nostri figli che abbandonano la nostra città e la nostra Isola. Questo è il messaggio che la CGIL vuole lanciare ai lavoratori e a quanti hanno trascorso un anno difficile. Non dobbiamo smettere di lottare e di combattere”.

Non possiamo farci sopraffare dai disagi e dalla routine quotidiana che spesso prendono il sopravvento: “il lavoro che c’è ma che rischia di essere perso; quello che non c’è mai stato; le bollette da pagare; i figli da sfamare; la dignità della vita che viene persa al continuo inseguimento di quei diritti che naturalmente dovrebbero appartenerci, ma che invece vengono o dimenticati, vilipesi, insultati”.

“In primis il diritto a quel lavoro che libera l’uomo e che quando invece manca lo rende schiavo. Per questi motivi la CGIL anche per il 2018, intende perseguire degli obiettivi, come concentrarsi su un piano occupazionale dei giovani nella Pubblica Amministrazione, sul rinnovo dei contratti, sulla stabilizzazione dei precari, sulle pensioni, sul lavoro, la lotta alla disoccupazione e alle diseguaglianze”.