“Come tanti di voi sono rimasto profondamente indignato nel vedere le immagini di De Luca Sindaco di Messina che gioca a casa con un cane tenuto in condizioni pessime, sotto il sole cocente, legato ad una piccola catena di ferro ed un vecchio bidone di lamiera come cuccia”

LO HA SCRITTO IERI SU FACEBOOK ENRICO RIZZI DI TRAPANI, PRESIDENTE NAZIONALE DEL NUCLEO OPERATIVO ITALIANO TUTELA ANIMALI ONLUS

318

“Come tanti di voi sono rimasto profondamente indignato nel vedere le immagini di De Luca Sindaco di Messina che gioca a casa con un cane tenuto in condizioni pessime, sotto il sole cocente, legato ad una piccola catena di ferro ed un vecchio bidone di lamiera come cuccia”. Lo ha scritto ieri in un post su Facebook, Enrico Rizzi di Trapani, presidente nazionale del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali Onlus.

Rizzi ha aggiunto: “è certamente un grave scivolone vedere chi si è battuto per i diritti alla salute di tutti i siciliani (e che ho personalmente sostenuto ed apprezzato) trascurare il diritto alla vita normale di un cane”.

“Ho pertanto appena inviato una richiesta di sequestro penale del cane ai Carabinieri di Fiumedilisi, ove risiede il sindaco, visto che detenere un cane in quelle condizioni, costituisce reato. Confido anche nel fatto che dal sindaco De Luca arrivino al più presto le scuse e, soprattutto, la promessa di ridare immediata dignità a quel cane”.