“Due arresti per incendio, minacce e resistenza a pubblico ufficiale”, lo mette in risalto il sindaco di Messina Cateno De Luca

IN RELAZIONE AD UNA BALORDAGGINE COMPIUTA IERI SERA A TREMESTIERI, DA DUE SOGGETTI

575

Lo mette in risalto il sindaco di Messina Cateno De Luca: “due arresti per incendio, minacce e resistenza a pubblico ufficiale”.

Continua in questo modo De Luca: “così si è conclusa la balordaggine di Tremestieri dopo oltre quattro ore di animata discussione. I due soggetti che hanno accumulato la legna sui frangiflutti per sfida hanno dato fuoco, anche con l’ausilio di liquido inquinante, nonostante la presenza della Polizia di Stato, Polizia Metropolitana e Polizia Municipale che avevano disposto la rimozione del cumulo di legna”.

“Ho seguito e diretto tutte le operazioni reagendo a questo gesto di sfregio con determinazione. Ringrazio gli agenti della Polizia di Stato, la Polizia Municipale diretta dal comandante Giovanni Giardina e la Polizia Metropolitana diretta dal comandante Nino Triolo”.