E’ accaduto alla libreria, del Centro Commerciale “Le Gru” di Siderno

DUE CARABINIERI, SI SONO PRESENTATI DURANTE LA PROIEZIONE DEL FILM SU STEFANO CUCCHI CHIEDENDO LA LISTA DEI PARTECIPANTI

0
305

A scriverlo è il quotidiano -La Stampa-: “due carabinieri si sono presentati in una libreria del Centro Commerciale -Le Gru- di Siderno dov’era in programma la proiezione del film -Sulla mia pelle-, incentrato sugli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi, ed hanno chiesto alla titolare -l’elenco dei partecipanti-“.

Secondo quando riporta il giornale, la titolare dell’esercizio Roberta Strangio, ha risposto ai due militari di non poter dar corso alla loro richiesta non esistendo un elenco dei partecipanti all’evento. Gli appartenenti all’Arma, si sono quindi congedati -con gentilezza-, senza lasciare la libreria, rimanendo per tutta la durata della proiezione del film ma senza identificare nessuno dei partecipanti all’iniziativa.

Ha detto Roberta Strangio: “non hanno chiesto i documenti a nessuno, neanche alle persone uscite prima della fine del dibattito che ha fatto seguito alla proiezione del film”.

Dall’articolo pubblicato dal periodico, si evince che il comandante del Gruppo della Benemerita di Locri, il colonnello Gabriele De Pascalis, ha riferito che: “i carabinieri erano lì per attività di routine e hanno interloquito con gli organizzatori per sapere se c’era qualcuno delle istituzioni o Autorità, in un’ottica di ordine e sicurezza pubblica. A noi non interessa alcun elenco, soprattutto in una manifestazione che non aveva alcun rischio di ordine pubblico. Noi siamo sempre tra la gente e non vogliamo che l’accaduto venga strumentalizzato, specie in una vicenda triste e delicata come quella di Stefano Cucchi”.