I giudici del Tribunale di Siracusa, hanno condannato all’ergastolo, Christian Leonardi [Video]

L'UOMO, IL 19 GENNAIO DEL 2015, UCCISE LA MOGLIE 35ENNE ED ALL'OTTAVO MESE DI GRAVIDANZA, ELIGIA ARDITA

0
236

5 dicembre 2018 – Dopo una lunga Camera di Consiglio e 48 udienze celebratesi in primo grado presso il Tribunale di Siracusa i giudici rappresentati dalla dottoressa Giuseppina Storaci, hanno condannato all’ergastolo Christian Leonardi, unico imputato nel processo per la morte della moglie Eligia Ardita. Sono state cosi’ accolte, le richieste del pubblico ministero Scavone.

L’accusa nei confronti di Leonardi, era di: “omicidio volontario e procurato aborto della piccola Giulia”.

All’uomo inoltre, e’ stata revocata la potesta’ genitoriale, disposto poi: “il pagamento delle spese legali, il risarcimento delle parti civili legalmente costituitesi, cosi’ quantificato (100 mila euro per i genitori, 50 ai fratelli) e l’isolamento diurno per i primi 3 mesi”.

La Sentenza, verra’ depositata entro 90 giorni. Nelle more, sono stati sospesi i termini di custodia cautelare.

Eligia, era una infermeria professionale siracusana, mori’ a 35 anni nella sua abitazione di via Calatabiano dopo avere cenato con i genitori ed il consorte, la sera del 19 gennaio del 2015, quando rimase sola in casa con il congiunto. All’inizio si ipotizzò un caso di malasanità, ma dopo 8 mesi il fratello di Christian convinse quest’ultimo a confessare il delitto in Caserma, come aveva precedentemente fatto con lui.

Si tratto’ pero’, di una confessione che venne successivamente ritrattata dall’uomo, perche’ avrebbe asserito di essere stato messo sotto pressione. I legali della difesa, hanno gia’ fatto sapere che ricorreranno in Appello, dopo che nell’ultima udienza avevano richiesto – senza ottenerla – la scarcerazione o i domiciliari per il loro assistito.

Oggi pomeriggio, a La Vita in Diretta, il programma condotto da Francesca Fialdini su Rai1, dopo le 16.30, e’ intervenuto Agatino Ardita il papa’ della vittima.

Accetta i cookies di YouTube per vedere questo video. Avrai così accesso a questo servizio offerto da terze parti.

YouTube privacy policy

Se accetti, la tua scelta sarà salvata e la pagina verrà aggiornata.