Il procuratore generale dottor Vincenzo Barbaro, cita in giudizio Cateno De Luca

AVANZATA UNA RICHIESTA DI RISARCIMENTO DANNI (ASSERITAMENTE SUBITI) PARI A 500 MILA EURO, PER LE ACCUSE A LUI RIVOLTE DAL PARLAMENTARE DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA

0
719

Il procuratore generale presso la Corte d’Appello di Messina, dottor Vincenzo Barbaro ha citato in giudizio il deputato regionale Cateno De Luca al fine di ottenere il risarcimento del danno (asseritamente da lui subito) quantificato in 500 mila euro, derivante dalle accuse mossegli dal politico. Inizia così, una battaglia legale consistente in querele e contro querele.

Ciò, potrebbe essere un vantaggio per il neo eletto onorevole di Sala d’Ercole a Palermo, che potrà avere l’occasione di trasferire ufficialmente dai media ad un’aula giudiziaria le proprie contestazioni rivolte al magistrato e constatare se le stesse verranno prese in considerazione resistendo ai vari passaggi processuali.

Donato Grimaldi Fotografia