Luca, il padre single di Napoli, che ha adottato una bambina down

RIFIUTATA DALLA MADRE E DA SETTE FAMIGLIE

0
319

Luca Trapanese, è un padre single ed omosessuale di Napoli che ha adottato una bambina down rifiutata dalla madre e da altre sette famiglie.

Al Corriere della Sera, Luca racconta che: “aveva maturato l’idea quando stava ancora con il suo compagno. Dopo la separazione però, mi sono tirato indietro e ho continuato a lottare per ottenere quella bambina che volevo con tutte le mie forze, soprattutto se difficile da collocare perché vittima di violenze o, appunto, affetta da una Sindrome”.

“Da quando avevo 14 anni faccio volontariato e lavoro con i disabili, non avevo dunque paura ad adottare un bambino che lo fosse, ritenendo di avere gli strumenti necessari per farlo. Quando sono rimasto solo, è stata l’opzione che ho scelto. Così, ho fatto richiesta, presentandola all’apposito Registro speciale che consente ai single adozioni particolari. Un figlio disabile, non è una opportunità di serie b, ma rappresenta la consapevolezza rispetto alle mie capacità e vocazioni”.

“La mia ispirazione, si è espressa tramite l’adozione della piccola Alba, abbandonata dopo il parto e durante l’adozione non voluta da sette nuclei familiari. Ora lei, ha la sua famiglia con zii, cugini, madrina e due nonne”.

Luca, spiega ancora: “qualche tempo fa, sono stato legalmente adottato da una signora che ha un figlio (disabile) che ora è mio fratello. Lei desiderava che me ne occupassi io, quando sarà da solo. Ora ho quindi due mamme. Alba con me, mostra l’attaccamento maggiore, mperchè’ sa che sono la sua famiglia. Da quando ci siamo visti il 27 luglio, è stato subito amore ed ho iniziato ad imparare a fare il papà”.

Trapanese, nella Città partenopea ha fondato due associazioni che si occupano di disabilità, -A ruota libera- e -La casa di Matteo-, spera che un giorno Alba possa avere un futuro radioso divertendosi come sa fare a ballare e cantare.