Partinico (PA): arrestate dai carabinieri, 7 persone per il pestaggio di ferragosto ai danni di migranti minorenni

I FERMATI, FANNO PARTE DEL MEDESIMO NUCLEO FAMILIARE

0
208

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale del capoluogo siciliano, ha ordinato il fermo di sette persone (tra cui due donne), fra Alcamo (TP) e Partinico (PA) per aver aggredito la notte di Ferragosto sulla spiaggia di Ciammarita a Trappeto (PA) un gruppo di migranti minorenni che oltre ad essere stati picchiati hanno subito insulti caratterizzati da frasi razziste.

L’episodio è proseguito con l’inseguimento e lo speronamento del pulmino che stava riportando i giovani nel Centro di accoglienza a Partinico. Le accuse per gli indagati, sono di lesioni aggravate e azione caratterizzata dall’odio etnico. Oggetto di questi gravi fatti, 2 minorenni del Gambia.

A coordinare le indagini dei carabinieri, e’ la dottoressa Giorgia Spiri sostituto della Procura di Palermo. I sette arrestati, avrebbero picchiato le vittime prese di mira perche’ non gradivano i festeggiamenti degli stranieri che si trovavano seduti su un muretto di un Lido a Ciammarita in attesa dell’arrivo dell’educatrice.

Quattro di essi, sono stati tratti in arresto per una ordinanza di custodia cautelare in carcere e sono: “Antonino Rossello (40 anni), Roberto Vitale (33 anni), Salvatore Vitale (49 anni), Emanuele Spitaleri 37 anni)”.

Mentre ai domiciliari sono finiti: “Valentina Mattina (28 anni di Partinico), Giacomo Vitale (71 anni di Alcamo) e Rosa Inverga (62 anni)”.

Italmarket