Piacenza: picchiato (e lasciato solo in casa dalla madre), all’età di 8 anni, nel 2012

LA DONNA, CONDANNATA A DUE ANNI PER: "MALTRATTAMENTI, LESIONI E ABBANDONO DI MINORE"

0
196

Nel 2012 aveva 8 anni, veniva picchiato dalla madre con un bastone e lasciato da solo in casa. Lui per parlare con i vicini, usciva in balcone. La madre, 44 anni, ora è stata condannata a due anni per i reati di: “maltrattamenti, lesioni e abbandono di minore. La pena è stata estesa dal giudice per l’udienza preliminare dottor Luca Milani che ha aumentato la pena di 10 mesi chiesta dal pubblico ministero dottoressa Ornella Chicca”.

A difendere la donna, era l’avvocato Antonino Rossi che ha tentato di convincere il Collegio giudicante ad assolvere la sua assistita, a suo dire per mancanza di prove, mentre il curatore del minore che tuttora è in una Comunità è l’avvocato Zaira De Biasi. A rappresentare la parte civile, ci ha pensato l’avvocato Stefano Lavelli. Al bambino, da parte del giudice, è stato anche riconosciuto un risarcimento.

I fatti in tutta la loro drammaticità, emersero nel 2012 a Piacenza, dopo l’intervento della Polizia di Stato allertata dai vicini di casa terrorizzati dalle urla provenienti da un appartamento della zona. La mamma che lavorava in un bar, secondo gli accertamenti di indagine lasciava spesso il figlio da solo in casa per molte ore della giornata. Ma alla solitudine, si sono poi aggiunte le violenze perpetrate al bimbo che in più di una circostanza sarebbe stato malmenato.

Presso il Tribunale dei minori di Bologna, è in corso un separato procedimento. Il piccolo, per avere un po’ di conforto umano lo ricercava all’esterno di quelle quattro mura divenute una prigione e trovava i condomini dello stabile. Per fortuna, la parola fine a questo incubo, lo misero gli abitanti dello stesso Palazzo e la Sezione minori della Squadra Mobile di Piacenza.

Donato Grimaldi Fotografia