Repressione…, dell’ambulantato selvaggio a Messina

LA SOLIDARIETÀ DEL SINDACO DE LUCA E DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE AL COMMISSARIO GIARDINA

110

Stamani, nell’ambito della consueta attività di controllo del territorio e contrasto all’ambulantato selvaggio diretta dal Comandante Vicario della Polizia Municipale commissario Giovanni Giardina, un ambulante che occupava abusivamente il suolo pubblico con l’esposizione di prodotti ortofrutticoli destinati alla vendita nell’opporre resistenza alle operazioni di verbalizzazione e di sequestro ha causato il ferimento del Comandate Giardina, il quale ha riportato una ferita alla testa e trasportato al Pronto Soccorso del Policlinico è stato medicato e dimesso con prognosi di sette giorni, salvo complicazioni.

Le immagini relative alla fase del sequestro e del conseguente ferimento del Commissario sono già al vaglio della Polizia Specialistica che opera sempre con la bodycam, strumento di cui si è dotata la Polizia Municipale su precisa scelta dell’Amministrazione, proprio perché è emersa ormai da tempo una certa frangia di operatori che non esitano ad opporre resistenza, anche in modo violento, alle operazioni della Municipale. L’ambulante è stato condotto alla Caserma Di Maio per la formalizzazione delle contestazioni a suo carico, mentre la merce sequestrata è stata già devoluta in beneficenza.

“La massima solidarietà al Commissario Giardina – hanno espresso il Sindaco De Luca congiuntamente all’Amministrazione Comunale – per l’attività che quotidianamente svolge in prima persona con grande professionalità e spirito di abnegazione, esponendosi spesso a rischi che derivano, come in questo caso, dalla pervicace volontà di agire in spregio alla Legge. L’episodio di oggi, che purtroppo richiama alla mente anche l’aggressione subita qualche settimana fa da una Agente di Polizia Municipale impegnata nel servizio di contrasto all’abbandono di rifiuti, conferma l’importanza dell’attività svolta dal Corpo di Polizia Municipale che andrà avanti in modo ancora più deciso e incisivo”.