Reso noto ieri, il Piano economico finanziario della MessinaServizi Bene Comune

PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

294

Nelle scorse, si è appreso dalla pagina del primo cittadino Cateno De Luca, che: “ieri pomeriggio è stato approvato dall’Assemblea dei soci di MessinaServizi Bene Comune il Piano economico e finanziario 2019 e l’annesso bilancio di previsione 2019/2021, predisposto secondo le indicazioni del Socio Unico e integrato con le osservazioni formulate anche dal Dipartimento Ambiente”.

“Le principali novità del Piano economico finanziario sono costituite dai consistenti interventi sulla spesa che consentiranno alla Società di raggiungere gli obiettivi di legge (65% raccolta differenziata). È stato previsto 1 milione di euro per attività di monitoraggio e sorveglianza nell’avvio del nuovo sistema di gestione integrata della raccolta differenziata porta a porta in tutta la città, mediante la formazione dell’Albo degli ispettori ambientali per il quale verranno formate ed iscritte non meno di 300 volontari – Ispettori, e la realizzazione della video sorveglianza in tutta la città.
È stato confermato il Premio di produttività per il raggiungimento degli obiettivi del 65% RD al 31/7/2019 e mantenimento della quota fino al 31/12/2019 confermando che il premio verrà ripartito, come concordato nei tavoli del Salva Messina, corrispondendo il 70% del premio a settembre 2019 e il restante 30% nel 2020, con il sistema del welfare aziendale”.

“È stato inoltre approvato dal Socio Unico l’aumento delle unità di servizio, che passeranno dalle attuali 505 a 537 unità per la gestione del nuovo servizio integrato dei rifiuti. A queste misure si aggiungono il noleggio dei mezzi per la raccolta con la formula di 2 anni + 2 eventualmente rinnovabili, per una gara con base d’asta di € 2.604.000 e una gara con base d’asta di € 4.600.000 per l’acquisto di attrezzature (bidoni, mastelli, cassoni scarrabili)”.

“Queste sono le principali novità del Piano economico finanziario 2019 e costituiscono le misure che il Socio Unico ha messo in atto per assicurare un servizio di gestione del ciclo integrato dei rifiuti efficiente e allineato agli obiettivi di legge”.