“Sono stanco di tutto, ma ho tanta voglia di lottare perché chiedo Giustizia sul caso della mia famiglia, stritolata da un debito di 34mila euro salito a 850mila euro”

LO HA SCRITTO IL MUSICISTA CATANESE ALESSIO OSSINO, DOPO IL MALORE CHE LO HA COLPITO GIOVEDI' MATTINA MENTRE SI TROVAVA AL TRIBUNALE DI MESSINA

1160

“Sono stanco di tutto, ma ho tanta voglia di lottare perché chiedo Giustizia sul caso della mia famiglia, stritolata da un debito di 34mila euro salito a 850mila euro”. A parlare così, è il musicista catanese Alessio Ossino, dopo il malore che lo ha colto giovedì mattina mentre si trovava al Tribunale di Messina.

Ossino, prosegue: “non riesco a capire come la cifra sia potuta aumentare vertiginosamente, ma la cosa più vergognosa è che sia capitato tutto in una situazione di abnormità giudiziaria. Sono provato, perchè mia madre è ricoverata in ospedale presso il Reparto di neurologia. Ora, non ne posso più, chiedo l’attenzione delle Autorità competenti sono stanco di vivere”.