Sono state necessarie circa sei ore di intervento, eseguito dall’equipe del reparto di neurochirurgia formata dai dottori Alfredo Conti e Ketty Giusa, per tentare di strappare alla morte G.T.

IL 27ENNE DI ROCCALUMERA, PICCHIATO SELVAGGIAMENTE ALL'ALBA, ALL'USCITA DELLA DISCOTECA MAMMA MIA DI SANTA TERESA DI RIVA

0
898

Sono stati i dottori della Struttura di Neurochirurgia, Alfredo Conti e Ketty Giusa, a coordinare l’equipe medica che ha impiegato sei ore oggi, al Policlinico Universitario di Messina, per operare il 27enne di Roccalumera G.T., picchiato all’alba all’uscita della discoteca Mamma mia di Santa Teresa di Riva. I sanitari, hanno dunque tentato di strapparlo alla morte il ragazzo ricoverato in prognosi riservata al Reparto di Rianimazione del nosocomio di viale Gazzi.

L’intervento è riuscito ma il giovane è ancora in pericolo di vita. Saranno fondamentali le prossime 72 ore. L’aggressione è avvenuta intorno alle 3 di stanotte nel parcheggio di piazza Stracuzzi nel centro ionico della Provincia messinese. G.T. sarebbe stato raggiunto da un pugno in pieno volto ed è arrivato privo di sensi al Presidio Ospedaliero di via Consolare Valeria. Serrate le indagini condotte dal vice comandante di compagnia dell’Arma, cap. Francesco Galante per ricostruire la dinamica della terribile notte di ieri. Per l’aggressione ci sarebbe già un fermo, sul quale i militari mantengono il massimo riserbo.