Sul minore di 7 anni, ucciso ieri a Cardito nel napoletano, dal compagno tunisino 24enne della madre

E' INTERVENUTA AL TG1, LA DOTTORESSA MAURA MANCA, PRESIDENTE DELL'OSSERVATORIO NAZIONALE ADOLESCENZA

489

Sul bimbo di 7 anni, ucciso ieri a colpi di scopa a Cardito (NA) dal compagno della madre (un 24enne tunisino), è intervenuta la dottoressa Maura Maura, pedagogista e psicoterapeuta, presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, intervistata dal Tg1.

La Manca, ha riferito: “i bambini si affidano giustamente alle figure degli adulti, però bisogna educarli anche al fatto che non esiste solo una violenza tra pari, ma che puo’ esistere anche una violenza rivolta dal genitore verso il bambino. I bambini si possono proteggere, creando una rete intorno a loro solida… facendogli capire che possono parlare anche di questi aspetti perchè quando hanno paura, quando gli viene fatto del male tendono a non parlare e a trattenere. E’ importante che sia la figura di riferimento affettiva per i bambini, a parlare di queste cose così gravi. Perchè a quall’età, conoscono già che cos’è il bene e il male che cosa è buono e che cos’è cattivo… per cui lo capiscono che esiste questa forma di violenza.