“Adesso basta”

SCRIVE COSI', NELLA SUA NOTA ODIERNA DIFFUSA SU FACEBOOK, IL CONSIGLIERE DI LIBERAME, L'AVVOCATO MASSIMO RIZZO

0
668

“Adesso basta”. Scrive così, nella sua nota odierna diffusa su Facebook, il consigliere di LiberaMe, l’avvocato Massimo Rizzo.

Prosegue Rizzo: “la politica ha le sue regole ed i suoi tempi ed io li rispetto. Ma la Città non può più restare sospesa in attesa che termini questa battaglia di posizione. Mentre elucubriamo e ci arrovelliamo sul cd. Cambio di passo (da me soprannominato Nulla Cosmico), ci sono lavoratori che attendono risposte, cittadini che pretendono servizi, questioni che devono essere risolte. Il Sindaco garantisce che la sua Giunta sta continuando a lavorare come se nulla fosse e certamente e’ così. Ma fatevi una passeggiata tra i corridoi di Palazzo Zanca e percepite l’aria che si respira. Sembra di essere tra color che son sospesi, un’atmosfera quasi rarefatta, un clima surreale. E mentre il medico studia, il paziente muore”!

“In queste settimane, cittadini mi hanno posto questioni che attendono risposte, anche attraverso interrogazioni che dovrò presentare all’Amministrazione. Certo, ma dopo il cambio di passo…! Ma altro che cambiare il passo…, qui dobbiamo accendere il turbo”!

Atm: “a che punto è la liquidazione? Qual è la situazione dei lavoratori? Come procede il loro passaggio nella nuova società? Come migliorare le linee che gli utenti lamentano essere carenti?”.

Messina Social City: “stato dell’arte, qualità dei servizi, lavoratori della long list”.

“Pubblica illuminazione, bando degli impianti sportivi, disservizi della raccolta differenziata, manutenzione del verde, pulizia e tanto altro ancora. Ma a chi interessa davvero la discussione del cambio di passo? E chi davvero tra i cittadini, afflitti da ben altre problematiche, ne sta comprendendo il senso?”.

Al Sindaco per rassicurarsi: “forse”.

A qualcuno per certificare la propria esistenza in vita: “può essere”.

Ai disamministratori del passato: “sicuramente”.

A chi non ha condiviso il percorso di ristrutturazione finanziaria ed ora è li, come un becchino ad attendere il cadavere di Messina: “certamente! Io ho votato contro il dissesto finanziario della nostra città, lo farei altre mille volte, con De Luca Sindaco o con Peppe Nappa e persino con Don Ninniri. Nel mio piccolo, ho contribuito ad evitare il tracollo finanziario e ne sono ORGOGLIOSO. Oggi è giorno di riflessione. Facciamolo veramente. Riprendiamo il lume della ragione e domani esprimiamoci definitivamente. Entriamo in aula e non ne usciamo fino a quando non troviamo una soluzione. Dopodomani, e francamente mi interessa molto di più, torniamo a parlare di COSE CONCRETE”!

Conclude Rizzo: “chiudiamo questa fase, usciamo dal tunnel e riprendiamo il percorso per Messina. Altrimenti, stacchiamo la spina e andiamo a votare. E in campagna elettorale chiariremo le responsabilità di quella che sarebbe una scelta scellerata. Con animo sereno… #accendiamoilturbo”.