Approvata alle ore 00.37, la costituzione dell’Agenzia per il Risanamento di Messina

NEL CORSO DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE, INIZIATA ALLE 19.20 DI IERI

0
449

Il Consiglio Comunale di Messina, presieduto da Claudio Cardile, ha dato il via libera alla costituzione della nuova Agenzia per il Risanamento… piu’ brevemente RisMe.

Alle odierne 00.37, i 31 consiglieri comunali presenti, hanno approvato con 30 voti favorevoli e un astenuto la delibera proposta dall’Amministrazione Comunale (guidata dal sindaco Cateno De Luca) e corretta grazie al voto di 5 emendamenti tutti votati con maggioranze unanimi.

Ora, dopo questo passaggio e giorni che hanno fatto rilevare una volonta’ univoca sia della Giunta che del Consiglio di cambiare passo riguardo alle politiche sullo sbaraccamento della Citta’ e’ tempo di iniziare a lavorare per rispettare le scadenze imposte dal primo cittadino.

De Luca, ha immaginato il 31 ottobre come termine ultimo per sgomberare le famiglie presenti nelle baracche sorte negli ambiti di Risanamento e il 31 dicembre quale data entro la quale demolire tutte le casupole.

Per farlo però, è necessario che il neonato Ente Pubblico non Economico riesca ad acquistare gli immobili dove trasferire le persone che dovranno lasciare quelle che è azzardato definire abitazioni. Gia’ adesso, sul mercato sono disponibili 400 appartamenti liberi.

La speranza, adesso, e’ che la determinazione di De Luca nell’agitare lo spettro delle proprie dimissioni il prossimo 30 settembre possa archiviarsi solo come una provocazione per tenere sulle corde i suoi colleghi componenti dell’Assise di Palazzo Zanca.

Quelle da abbattere, fanno parte di ghetti, nei quali non esistono i requisiti fondamentali per cui una vita possa essere definita vissuta in modo civile a causa delle carenze igienico-ambientali e sanitarie, ma dove vi sono sicuramente due elementi… l’amore sicuramente presente in queste famiglie e la resilienza che possiedono per riuscire ad abitare in determinate condizioni.

Italmarket