Danilo Toninelli (ministro delle Infrastrutture e Trasporti): “Potrei trovarmi costretto, ad avviare un’indagine sulle due navi Ong olandesi Seefuchs e Lifeline”

"PER UN RISCHIO, DI USO NON AUTORIZZATO DELLA BANDIERA DEI PAESI BASSI"

1851

Il numero uno, del Dicastero ai Trasporti ed alle Infrastrutture, il senatore Danilo Toninelli, in questa nota specifica: “in qualità di ministro responsabile della Guardia Costiera, potrei trovarmi costretto ad avviare un’indagine sulle due navi Ong olandesi Seefuchs e Lifeline, per un rischio di uso non autorizzato della bandiera dei Paesi Bassi”.

“Se confermata, la notizia sarebbe molto grave. Il Governo olandese, nei contatti intercorsi in questi giorni, ci ha comunicato che la Seefuchs e la Lifeline non sarebbero registrate in Olanda e non sarebbero autorizzate a battere bandiera olandese. Mi auguro che la notizia non trovi conferma”.

In caso contrario, come detto, in qualità di titolare del dicastero che dirige la Guardia Costiera, sarei costretto ad attivare una -indagine di bandiera-: “in pratica, una verifica per accertare se il vessillo battuto dalle navi corrisponda effettivamente a quella nazionalità, riservandomi poi ogni altra iniziativa necessaria. Le Autorità olandesi hanno riconosciuto una mancanza di chiarezza e intendono effettuare ulteriori verifiche anche sulla loro normativa”.