Fabio Rampelli (FdI – Roma): “I partiti del centrodestra, rimangano distinti con le loro identità”

"MAGARI FEDERANDOSI PER GUADAGNARE CONSENSO"

0
220

L’onorevole Fabio Rampelli, deputato romano di Fratelli d’Italia, in una intervista rilasciata a TgCom24 ha dichiarato: “un Partito non può essere cancellato per sentenza giudiziaria né, per analogia, puo’ nascerne uno nuovo per decisione di una Procura. Mi auguro che il Tribunale di Genova non faccia pagare a una comunità umana e politica le colpe di singole persone, piaccia o meno la Lega rappresenta un pezzo della storia italiana. Sarebbe un precedente pericoloso. E in ogni caso ritengo la querelle sul Partito unico del centrodestra una boutade di fine estate”.

Abbiamo già conosciuto l’esperienza del Partito unico, l’unione tra Fi e An imposta da Berlusconi e mal sopportata dalla destra: “ha avuto un successo istantaneo ma breve, si è estinta nell’arco di tre anni. I partiti moderni nascono per convenienza e calcolo mediatico, sono animati da spinte egemoniche invece che da processi culturali e per questo somigliano più a fastidiose annessioni che a svolte rivoluzionarie sostenute dal basso. Meglio che i partiti del centrodestra rimangano distinti con la loro identità, magari federandosi per coordinare meglio le loro attività e guadagnare più credibilità e consenso”.

“La destra per esempio non è replicabile, il percorso, le prospettive, i riferimenti culturali, il progetto sociale non sono assorbibili da alcun altro dei partiti della coalizione e le ondate di successo dell’uno o dell’altro non possono mai far incarnare un’identità diversa a un soggetto politico che non viene da destra e della destra non ha i fondamentali”.