Il presidente del Consiglio Comunale di Messina Claudio Cardile, ed il vice presidente vicario Nino Interdonato, hanno presentato oggi pomeriggio un esposto alla Digos per segnalare il grave clima di pressione al quale l’Organo da loro rappresentato viene sottoposto in queste ore e tutelare anche le loro famiglie

TUTTO E' LEGATO AD UN POST PUBBLICATO OGGI SU FACEBOOK, DALLA SINDACALISTA DEL CSA CLARA CROCE' (UNA FEDELISSIMA DEL SINDACO CATENO DE LUCA), CHE HA INVITATO I BENEFICIARI DELLA FAMILY CARD A RECARSI A CASA DEI CONSIGLIERI PER RISTORARSI

0
195

Il presidente del Consiglio Comunale di Messina Claudio Cardile, ed il vice presidente vicario Nino Interdonato, hanno presentato oggi pomeriggio un esposto alla Digos per segnalare il grave momento di pressione al quale l’Organo da loro rappresentato viene sottoposto in queste ore e tutelare anche le loro famiglie.

Tutto e’ nato da un post pubblicato oggi nel Gruppo Facebook Soccorso Sociale Messina, dalla sindacalista del Csa Clara Croce’ (fedelissima del primo cittadino peloritano Cateno De Luca) che ha invitato i beneficiari della Family Card attualmente sospesa a ristorarsi nell’attesa a cena presso i consiglieri Comunali.

Hanno scritto i due politici: “i continui insulti e le reiterate invettive contro il Consiglio Comunale e i suoi Consiglieri, da parte del Sindaco De Luca e dei suoi seguaci, hanno raggiunto il punto di non ritorno”.

“Si respira un clima pesantissimo – hanno evidenziato i massimi rappresentanti del civico consesso – che oltre a ledere i principi basilari di ogni sistema democratico rende impossibile svolgere con dignità, onore e lealtà il proprio ruolo”.