“La sostituzione degli Assessori Trimarchi e Scattareggia era nell’aria da almeno un anno ed è arrivata in questi giorni sotto forma di -dimissioni- che ricordano tanto il servizio di leva obbligatoria, quando il comandante del plotone ordinava ad un soldato di essere -volontario- per svolgere un servizio”

SONO QUESTE LE ODIERNE DICHIARAZIONI, DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI SICILIA FUTURA A MESSINA, PIERO LA TONA

134

“La sostituzione degli Assessori Trimarchi e Scattareggia era nell’aria da almeno un anno ed è arrivata in questi giorni sotto forma di -dimissioni- che ricordano tanto il servizio di leva obbligatoria, quando il comandante del plotone ordinava ad un soldato di essere -volontario- per svolgere un servizio”. Sono queste, le odierne dichiarazioni, del consigliere Comunale di Sicilia Futura a Messina, Piero La Tona.

La Tona specifica: “massimo rispetto per chi fa un passo indietro, soprattutto se per motivi familiari, ma alcune considerazioni le devo fare, da consigliere comunale e anche da Presidente della V Commissione consiliare che si occupa proprio di Scuole e Sport, settori che afferivano all’assessore Trimarchi (scuole) e all’Assessore Scattareggia (Sport)”.

“Innanzitutto li voglio ringraziare sinceramente, per la loro costante disponibilità e presenza in Commissione. Ogni qualvolta sono stati invitati, il che avveniva spesso, hanno risposto puntualmente, anche a costo di un fortissimo contraddittorio e tollerando sempre con garbo le costanti critiche che provenivano da molti componenti della Commissione. Forse questa disponibilità al dialogo ed al contradditorio che dovrebbe essere il punto di forza di chiunque faccia politica è stato uno dei loro demeriti agli occhi del Sindaco De Luca”.

“Ovviamente va precisato che la loro disponibilità ad essere presenti in Commissione, non si è mai tradotta in ascolto attivo. Intendo dire che mai i due assessori, soprattutto Scattareggia sulla questione dello Sport e degli Stadi, hanno inteso fare tesoro delle critiche e dei suggerimenti che provenivano continuamente dalla Commissione e anche dal Consiglio comunale. L’atteggiamento di entrambi, educatissimo ripeto, era evidentemente condizionato dalle direttive del Sindaco dalle quali non si dissociavano mai nei contenuti, pur utilizzando una forma più consona al confronto”.

“La nota -piccata- con cui Scattareggia si è dimesso testimonia proprio il fatto che non si può -sfiduciare- un assessore che non ha fatto altro che eseguire pedissequamente le tue direttive, che non faceva altro che riportarsi sempre al cosiddetto -Salva Messina- con cui il Sindaco aveva dettato le linee guida, discutibili da tutti noi ma non dai due assessori. Se fossimo a scuola, diremmo che -bocciare- Scattareggia equivale a -bocciare- se stesso”.

“Per quanto riguarda Trimarchi, invece, pur nel massimo rispetto dei motivi familiari posti a base delle -dimissioni-, ricordiamo che un anno fa la sua delega era stata già dimezzata con l’avvento dell’assessore Caruso alla Cultura e che a dicembre scorso il Sindaco aveva annunciato la sua sostituzione al termine dell’anno scolastico”.

E, inoltre, mi chiedo: “non sarebbe stato più corretto, se proprio fosse stato necessario trovare dei capri espiatori delle pecche di questa Amministrazione, aspettare qualche mese per consentire da un lato lo sviluppo della stagione estiva – della programmazione del cartellone estivo si occupava Scattareggia – e dall’altro lato l’avvio del nuovo anno scolastico che tante incognite presenta per via dell’emergenza epidemiologica? Non solo, quindi, il Sindaco sostituisce due assessori rei di essere stati troppo ligi ai suoi dettami, ma li sostituisce anche nel momento sbagliato, quando, per le scuole ad esempio, l’assessore Trimarchi aveva in questo periodo ascoltato tutti i dirigenti scolastici e accolto le richieste degli stessi, non solo sul piano dell’edilizia scolastica di cui, invece, si occupa l’assessore Mondello”.

“I sostituti dovranno ricominciare tutto dall’inizio. Auspichiamo che siano soggetti di alto profilo, che ascoltino i suggerimenti che verranno dalla Commissione e dal Consiglio Comunale e, soprattutto, che non seguano soltanto e pedissequamente le direttive del Sindaco, altrimenti tra non molto assisteremo nuovamente a -dimissioni- assistite. Il mio consiglio pertanto è che i nuovi assessori abbiano il coraggio anche di sbagliare con la loro testa ed, eventualmente, pagare per errori propri e non solo indotti”.

“Un caro saluto ad Enzo e Pippo, ringraziandoli sempre per la disponibilità all’ascolto”.