Le dichiarazioni di Salvatore Sorbello, componente del Gruppo Misto di Palazzo Zanca

"FORSE AGISCO PIÙ CON L'ISTINTO DEL CITTADINO, CHE CON LA FREDDEZZA DEL POLITICO"

0
345

Salvatore Sorbello, componente del Gruppo Misto al Comune di Messina ha diffuso una nota per descrivere un episodio verificatosi nella giornata odierna.

E l’esponente politico, sottolinea: “forse agisco più con l’istinto del cittadino, che con la freddezza del politico, ma oggi in Aula, si è scritta una pagina bruttissima pagina per la democrazia, perché si è parlato, tra l’altro, di mettere un bavaglio al consigliere Sorbello, il quale, da oggi, apprende, di non potere più manifestare liberamente il proprio pensiero all’esterno sulle varie correnti politiche e sulle azioni determinate da esse su temi che riguardano la Città. È stata travisata una mia considerazione fatta extra moenia”.

Nella fattispecie, Sciacca mi ha definito -pseudo consigliere- sol perché in un commento su fb mi sono preso la libertà di dire: “comprendo l’ignoranza dei 5 Stelle, ma non la cattiveria del PD”.

“Posto che, evidentemente non facevo riferimento ai colleghi, ma più in generale alla linea tenuta dal MoVimento di astenersi ad una votazione importante in tema di risanamento, ed ancor più in generale del PD, che attraverso suoi esponenti, si è permesso di introdurre considerazioni di carattere personale non sottoscritti dal Consiglio”.

“Intendo, tuttavia, scusarmi con tutti gli elettori del PD e del M5S per le mie affermazioni, travisate opportunamente da chi avverte un certo nervosismo, ma che non erano certamente dirette a ledere le idee dell’elettorato o dei suoi consiglieri. Mi riferivo, infatti, solo alla linea tenuta nella specifica e suindicata votazione”.

Mi permetto, nonostante i rimproveri, di esprimere il mio pensiero: “occupiamoci della Città, cominciando proprio da questa grande occasione che abbiamo di -ELIMINARE LE BARACCHE-, lasciando perdere sterili contrapposizioni”.