A Messina…, ci si avvicina a grandi passi verso la data di nuove presunte Elezioni Amministrative

"MA SARÀ DAVVERO COSÌ, O I CITTADINI ASSISTERANNO ALL'ENNESIMO FUOCO DI PAGLIA INSCENATO DAL SINDACO CATENO DE LUCA?"

0
92

A Messina…, ci si avvicina a grandi passi verso la data di nuove presunte Elezioni Amministrative.

Secondo i bene informati infatti, martedi’ 11 gennaio 2022 un giorno dopo l’estensione della Sentenza Fe.na.p.i. che il giudice monocratico (del Tribunale) Simona Monforte pronuncera’ il precedente lunedi’ 10, il sindaco Cateno De Luca dovrebbe o dimettersi o annunciare quando presenera’ la lettera di dimissioni al Consiglio Comunale. Dopo la presentazione formale della nota, la Legge (T.U.E.L.) prevede che entro 20 giorni il responsabile dell’Amministrazione puo’ ripensarci non dimettendosi piu’!

Ma succedera’ realmente quanto descritto, oppure sara’ l’ennesimo fuoco di paglia inscenato dal primo cittadino come quando nelle due precedenti occasioni durante questo mandato sindacale annuncio’ un abbandono anticipato che poi nei fatti non si verifico’?

L’episodio piu’ saliente, che sicuramente i messinesi non avranno dimenticato riguarda quello del 14 gennaio 2021 allorquando De Luca in diretta Facebook dalla sua stanza di Palazzo Zanca lesse una lettera ove era riportata la sua intenzione di dimettersi in piena emergenza da Covid-19 subordinando il tutto a due situazioni, cioe’ che le avrebbe onorate il seguente 4 febbraio se la sua emananda Ordinanza sulla epidemia non avesse raggiunto lo scopo di fermare i contagi e se il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore alla Salute Ruggero Razza non avessero revocato l’incarico di direttore generale dell’Asp 5 al dottor Paolo La Paglia da lui insultato on line il 16 dicembre 2020 con l’epiteto ‘coglione’ perche’ ritenuto colpevole delle disfunzioni nella gestione delle misure di contrasto alla diffusione del Sars Cov-2.

Come tutti ebbero modo di vedere, quasi allo scoccare della mezzanotte del 5 febbraio De Luca dal Comune… strappo’ il documento e decise rimanere nelle sue funzioni dicendo i famosi ‘Prosit’ con bicchieri di champagne indirizzati nei fatti a coloro che a suo dire avrebbero gioito se se fosse andato in modo definitivo.

In quella occasione, il capo della Giunta comunale, inauguro’ la stagione degli ‘Asini Volanti’ apponendo sulla porta di accesso ai suoi locali un cartello di divieto d’accesso ai consiglieri comunali che non gli votavano le delibere in Aula.

Quel che e’ sicuro, e’ che mancano ormai pochi giorni alla verita’ e vedremo se dovremo assistere ad un film visto in precedenza o se noteremo i titoli di coda di Cateno De Luca al Municipio di piazza Unione Europea.