Arrestato in flagranza di reato un trentaduenne messinese ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente

L’ARRESTO, EFFETTUATO DAI POLIZIOTTI DELLA SQUADRA MOBILE, È SCATTATO NEL CORSO DI SPECIFICI SERVIZI ANTIDROGA SVOLTI PRESSO IL VILLAGGIO DI SANTA LUCIA SOPRA CONTESSE

0
211

Arrestato in flagranza di reato un trentaduenne messinese ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’arresto, effettuato dai Poliziotti della Squadra Mobile, è scattato nel corso di specifici servizi antidroga svolti presso il villaggio di Santa Lucia Sopra Contesse. A seguito di perquisizione domiciliare a carico del trentaduenne, gli Agenti hanno rinvenuto e sequestrato circa mezzo chilo di sostanza stupefacente, a seguito di una prima analisi rivelatasi Marijuana.

Dopo un primo rinvenimento di modica quantità di stupefacente nella sala da pranzo e dentro un mobile della cucina dell’appartamento, i Poliziotti hanno esteso la perquisizione ad un’altra abitazione adiacente ed ancora in fase di ristrutturazione, riconducibile al medesimo proprietario. Al suo interno, gli Agenti della Squadra Mobile hanno trovato – in una valigia nascosta tra arnesi da lavoro – due buste in cellophane contenenti una più cospicua quantità di droga.

Un ulteriore sopralluogo in un’altra costruzione di proprietà del messinese permetteva il rinvenimento di vasi in plastica e in terracotta dove, ben visibili, vi erano tracce di piante di cannabis e di fertilizzanti comunemente utilizzati per la coltivazione e la fioritura. Nell’ambito della stessa attività, i Poliziotti hanno sottoposto a sequestro oltre 2.000 euro, denaro ritenuto verosimile provento dell’attività di spaccio.

Dopo l’arresto, l’uomo, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Si precisa che il procedimento è ancora in fase di indagini preliminari e che, in ossequio al principio di non colpevolezza e fino a sentenza di condanna passata in giudicato, sarà svolto ogni ulteriore accertamento che dovesse rendersi necessario, anche nell’interesse dell’indagato.