Dopo un’attesa lunga vent’anni, arriveranno da parte dei responsabili dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico le risorse che consentiranno di mettere in sicurezza la frazione Bafia, a Castroreale

SONO DUE COMUNI..., CHE SI TROVANO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA TIRRENICA MESSINESE

456

Dopo un’attesa lunga vent’anni, arriveranno dall’Ufficio contro il dissesto idrogeologico le risorse che consentiranno di mettere in sicurezza la frazione Bafia, a Castroreale. Si tratta di un milione e mezzo di euro destinati a sanare un’area in cui risiede oltre un terzo dell’intera popolazione della cittadina del Messinese, tenuta sotto scacco dalle piogge e dagli smottamenti provocati dalle infiltrazioni d’acqua fuori controllo che continuano a saturare un terreno fortemente argilloso.

Le opere previste – di convogliamento, drenaggio e consolidamento – consentiranno di ridare stabilità all’intera zona in cui ricade, tra l’altro, una piazza che rappresenta un luogo di aggregazione assai frequentato dai cittadini. Piazza Canale – così si chiama proprio perché nel suo sottosuolo scorre il corso d’acqua che poi confluisce nel torrente Patrì – porta addosso, in modo evidente, i segni dei dissesti: il muro di sostegno, in particolare, è profondamente lesionato da una frana ancora attiva che rischia di interessare anche la strada provinciale che consente l’accesso a questa zona. Da qui la necessità di realizzare un contromuro di placcaggio su pali. Si provvederà poi a rifare anche la gradinata, la ringhiera e la pavimentazione sconnessa in più punti.

Il fulcro dell’intervento finanziato dalla Regione Siciliana consiste, tuttavia, nelle opere di natura idraulica. Sarà, infatti, potenziato il collettore di raccolta delle acque a margine della strada e verrà realizzata una serie di trincee drenanti in modo da assicurare un efficace sistema di raccolta, smaltimento e convogliamento delle acque piovane verso l’impluvio naturale esistente. Con delle paratie, infine, verranno stabilizzate le scarpate maggiormente coinvolte dai cedimenti.