Doppio appuntamento domani, martedì 1° agosto alle ore 17.30 presso il porticciolo del Marina del Nettuno per presentare la XV edizione dello Spettacolare Sbarco di Don Giovanni d’Austria e del progetto Italian Blue Route di cui il Comune di Messina è tra i fondatori, e per l’occasione sarà presente con il suo ormeggio al porticciolo anche la nave a vela Jancris

ALL’INCONTRO CON I GIORNALISTI, PRESENTE IL SINDACO FEDERICO BASILE, PRENDERANNO PARTE IL DIRETTORE GENERALE DELL’ENTE SALVO PUCCIO; IL VICESINDACO SALVATORE MONDELLO E GLI ASSESSORI ENZO CARUSO, MASSIMO FINOCCHIARO, FRANCESCO CAMINITI E MASSIMILIANO MINUTOLI; CUI PARTECIPERANNO I PRESIDENTI DELL’ASSOCIAZIONE AURORA FORTUNATO MANTI; DELLA CAMERA DI COMMERCIO IVO BLANDINA; DI ASSONAUTICA SANTI ILACQUA; CARMELO RECUPERO DEL CIRCOLO RICREATIVO DI PACE; RENATO CARAFA DELLA LEGA NAVALE ITALIANAE REFERENTE DELLA DELEGAZIONE UNIVERSITARIA TOR VERGATA E ALFREDO GIACON DELL’ASSOCIAZIONE VELICA JANCRIS

254

Doppio appuntamento domani, martedì 1° agosto alle ore 17.30 presso il porticciolo del Marina del Nettuno per presentare la XV edizione dello Spettacolare Sbarco di Don Giovanni d’Austria e del progetto Italian Blue Route di cui il Comune di Messina è tra i fondatori, e per l’occasione sarà presente con il suo ormeggio al porticciolo anche la nave a vela Jancris.

All’incontro con i giornalisti, presente il sindaco Federico Basile, prenderanno parte il direttore generale dell’Ente Salvo Puccio; il vicesindaco Salvatore Mondello e gli assessori Enzo Caruso, Massimo Finocchiaro, Francesco Caminiti e Massimiliano Minutoli; cui parteciperanno i presidenti dell’Associazione Aurora Fortunato Manti; della Camera di Commercio Ivo Blandina; di Assonautica Santi Ilacqua; Carmelo Recupero del Circolo Ricreativo di Pace; Renato Carafa della Lega Navale Italianae referente della Delegazione Universitaria Tor Vergata e Alfredo Giacon dell’Associazione Velica Jancris.

Messina è per storia, cultura, oltre che per geografia, al centro del Mediterraneo, per questo motivo il Comune di Messina ha subito accolto ed è stata tra i membri fondatori dell’Italian Blue Route, progetto lanciato nell’ottobre scorso alla Fiera di Roma nell’ambito dell’iniziativa del Blue Planet Economy-European Maritime Forum. Italian Blue Route è una rete progettuale di soggetti che vogliono promuovere i territori connessi al sistema mare per far crescere quella blue economy che sta negli indirizzi dell’Unione Europea e dei principi sulla sostenibilità lanciata dall’Agenda 2030 dell’ONU, a cominciare dalla tutela dell’acqua, preziosa risorsa per l’intera umanità.

Messina si presenta a questa opportunità con un sistema di soggetti che vedrà tra i protagonisti, oltre al Comune, la Camera di Commercio ed Assonautica Messina, con l’obiettivo di fare crescere ulteriormente la rete territoriale locale in vista dell’importante appuntamento dell’ottobre prossimo, il Meet Mediterraneo 2023, un forum internazionale per accrescere la destinazione turistica di Messina.

Italian Blue Route significa, per Messina, valorizzare le progettualità che già si realizzano o che si vogliono proporre, da “Lo Spettacolare Sbarco di Don Giovanni d’Austria” arrivato alla XV edizione, alla pesca tradizionale sullo Stretto e a Ganzirri, alle iniziative per il recupero delle fortificazioni, alla progettazione di itinerari per la visita ai Santuari e al paesaggio ambientale e storico nei Monti Peloritani, al potenziamento dell’offerta di visita al centro di Messina e ai suoi monumenti stile Liberty, e ancora Torre Faro, le spiagge, alla strutturazione del progetto turistico culturale di “Ulisse, la Rotta del Mito”, “tra Scilla e Cariddi, lo Stretto dei Miti” ispirandosi ai miti di Omero e ai molti miti che vedono protagonista lo Stretto ed il territorio circostante.

Obiettivi ambiziosi sposati dal sindaco Basile che, d’intesa con l’Assessore al Turismo e Brand Messina Caruso, intende perseguire con determinazione per il rilancio del territorio e l’inserimento a pieno titolo di Messina, con il suo storico porto, nel panorama delle destinazioni turistiche delle città del Mediterraneo.