Ha affrontato la traversata al nono mese di gravidanza, appena sbarcata a Lampedusa immediato parto per una migrante: il suo è stato il ventiseiesimo sbarco di una giornata intensa a Lampedusa

ANNIE (IL NOME È DI FANTASIA, NDR), 32 ANNI DELLA COSTA D’AVORIO, AL NONO MESE DI GRAVIDANZA HA VIAGGIATO CON ALTRE 40 PERSONE IN UN BARCHINO... I MEDICI DELL’ASP DI PALERMO, CHE AL MOLO FAVALORO SI OCCUPANO DEL TRIAGE DI TUTTI I MIGRANTI CHE SBARCANO SULL’ISOLA, HANNO SUBITO DISPOSTO IL TRASFERIMENTO AL POLIAMBULATORIO DI CONTRADA GRECALE

253

Ha affrontato la traversata al nono mese di gravidanza, appena sbarcata a Lampedusa immediato parto per una migrante: il suo è stato il ventiseiesimo sbarco di una giornata intensa a Lampedusa. Annie (il nome è di fantasia, ndr), 32 anni della Costa D’Avorio, al nono mese di gravidanza ha viaggiato con altre 40 persone in un barchino… i medici dell’Asp di Palermo, che al molo Favaloro si occupano del triage di tutti i migranti che sbarcano sull’isola, hanno subito disposto il trasferimento al poliambulatorio di Contrada Grecale. Qui, poco prima di mezzanotte, la donna ha messo alla luce un bambino di 2,8 chili. Mamma e figlio, al quale è stato dato il nome Eli, godono di ottima salute.

Il benvenuto
“Diamo il benvenuto al piccolo ed un forte abbraccio alla signora – ha detto il commissario straordinario dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni –. A tutto il personale del poliambulatorio, che quotidianamente e con grande professionalità assiste la popolazione residente, i tanti turisti ed i migranti che sbarcano a Lampedusa, va il sentito ringraziamento per il lavoro che svolgono con dedizione”. E’ stata l’equipe guidata dal ginecologo dell’Asp di Palermo, Ugo Polizzotti, ad assistere la donna al parto nella saletta chirurgica al primo piano del Poliambulatorio. A coadiuvare lo specialista, il pediatra Giacomo Marchese, il chirurgo Domenico Capizzi e il cardiologo Nicola La Manna. Con loro anche le rianimatrici Angela Sferruzza e Daniela Palma, i medici di guardia medica Maria Ylenia Di Paola e Alberto Spataro, il medico della guardia turistica Roberta Xafis e l’infermiere Franco Galletto.

Utilizzata saletta chirurgica
“Abbiamo utilizzato la saletta chirurgica che avevamo attrezzato con kit sterili e kit da parto per un eventuale parto precipitoso e non trasferibile – ha spiegato il direttore del dipartimento Salute della famiglia dell’Asp di Palermo, Giuseppe Canzone, che ha coordinato l’attività -. La donna, alla sua terza gravidanza, era alla 40^ settimana di gestazione e, ormai, in pieno travaglio. Si è reso necessario farla partorire al poliambulatorio dove l’equipe è intervenuta con grande professionalità. E’ un evento straordinario e proprio per questi eventi ci eravamo preparati attrezzando la struttura, già dotata del materiale necessario, di un lettino chirurgico con divaricatore. Tra l’altro ci si era dotati di un ecografo di ultima generazione dedicato all’attività ostetrico-ginecologica”.

Foto…, tratta da… www.blogsicilia.it!