Il Centro di Cardiochirurgia Pediatrica di Taormina otterrà una proroga operativa fino al 31 luglio, secondo l’annuncio del presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani

QUESTA DECISIONE È STATA PRESA IN RISPOSTA ALLA RICHIESTA AVANZATA DAL GOVERNO SICILIANO E HA RICEVUTO L’APPROVAZIONE DEL MINISTERO DELLA SALUTE, IN COLLABORAZIONE CON IL MINISTERO DELL’ECONOMIA

188

Il Centro di Cardiochirurgia Pediatrica di Taormina otterrà una proroga operativa fino al 31 luglio, secondo l’annuncio del presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani. Questa decisione è stata presa in risposta alla richiesta avanzata dal governo siciliano e ha ricevuto l’approvazione del Ministero della Salute, in collaborazione con il Ministero dell’Economia.

La proroga della convenzione tra l’Azienda Sanitaria Provinciale (Asp) di Messina e l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù è stata giudicata essenziale per garantire la continuità delle attività nel reparto istituito presso l’Ospedale San Vincenzo di Taormina. Tale decisione è stata presa in attesa della piena operatività della Cardiochirurgia Pediatrica presso il Civico di Palermo.

Il presidente Schifani ha sottolineato che la richiesta inviata il 11 gennaio, firmata anche dall’assessore alla Salute Giovanna Volo, era considerata “imprescindibile”. L’obiettivo principale è assicurare il coordinamento operativo tra la struttura di Taormina e la nuova Cardiochirurgia Pediatrica del Civico di Palermo. Questo garantirà la presa in carico completa dei pazienti cardiopatici pediatrici siciliani, nonché la piena operatività della nuova struttura nel capoluogo siciliano.

Schifani ha evidenziato l’importanza del dialogo instaurato con il Ministero della Salute, definendolo “proficuo per la Sicilia”. Ha ringraziato il Ministro Schillaci per l’attenzione dedicata alla problematica della Cardiochirurgia Pediatrica di Taormina.

Il presidente ha anche ribadito l’impegno nel trovare una soluzione definitiva nei prossimi sei mesi, nonostante le sfide imposte dal vigente “decreto Balduzzi”. In chiusura, Schifani ha enfatizzato la priorità di assicurare la continuità delle cure e dell’assistenza ai giovani pazienti affetti da patologie cardiologiche. Ha riconosciuto gli elevati standard qualitativi raggiunti dalla struttura di Taormina nel corso degli anni e ha riaffermato l’impegno continuo per il benessere dei cittadini siciliani.