“Il premierato della Meloni assomiglia a ‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’ di Gadda con la differenza che il libro è un bel romanzo… l’ho fatto presente oggi in aula al Senato: Una riforma che non approfondisce e non specifica quali dovrebbero essere i poteri del presidente del Consiglio, ma si limita a dire che il premier è eletto direttamente dai cittadini… un po’ poco per una riforma che doveva essere epocale, inoltre non è vero, come ha affermato la ministra Casellati, che dall’opposizione non sono arrivate proposte”

LO HA RIFERITO IN UN POST PUBBLICATO IERI 12 GIUGNO 2024 SULLA SUA OMONIMA PAGINA FACEBOOK, L'AVVOCATO DAFNE MUSOLINO, SENATRICE MESSINESE DEL 'GRUPPO DI ITALIA VIVA' PRESSO PALAZZO MADAMA A ROMA

224

“Il premierato della Meloni assomiglia a ‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’ di Gadda con la differenza che il libro è un bel romanzo… l’ho fatto presente oggi in aula al Senato: Una riforma che non approfondisce e non specifica quali dovrebbero essere i poteri del presidente del Consiglio, ma si limita a dire che il premier è eletto direttamente dai cittadini… un po’ poco per una riforma che doveva essere epocale, inoltre non è vero, come ha affermato la ministra Casellati, che dall’opposizione non sono arrivate proposte”. Lo ha riferito in un Post pubblicato ieri 12 giugno 2024 sulla sua omonima Pagina Facebook, l’avvocato Dafne Musolino, senatrice messinese del ‘Gruppo di Italia Viva’ presso Palazzo Madama a Roma.

Ha concluso la Musolino: “Italia Viva le sue le ha presentate in Commissione e in aula, ma la risposta è stata sempre e immotivatamente no. Quando si crea una occasione di confronto si deve lavorare per arrivare ad un sistema migliore, e questa riforma non è certo la migliore riforma possibile. Insomma va bene fare l’influencer, ma ogni tanto, magari per sbaglio, bisogna metterci anche un po’ di sostanza”!