“Individuato dalla Guardia Costiera l’autore della distruzione dello scoglio per estrarre i datteri di mare denunciato dal Consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli” [Video]

A SCRIVERLO IN UN POST PUBBLICATO OGGI 26 LUGLIO 2022, SULLA SUA PAGINA FACEBOOK, E' STATO L’ESPONENTE DI EUROPA VERDE PRESSO LA REGIONE CAMPANIA

465

“Individuato dalla Guardia Costiera l’autore della distruzione dello scoglio per estrarre i datteri di mare denunciato dal Consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli”. Lo ha scritto oggi 26 luglio 2022, sulla sua Pagina Facebook, l’esponente di Europa Verde presso la Regione Campania.

Borrelli ha aggiunto: “tolleranza zero anche con chi devasta e inquina il nostro mare. La Polizia Giudiziaria della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia è risalita al bagnante che ha distrutto uno scoglio per estrarre i datteri di mare, davanti agli occhi increduli dei presenti sulla spiaggia pubblica di Castellammare di Stabia. La denuncia è partita dal consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli che aveva ricevuto il video da un cittadino indignato per ciò a cui aveva assistito. Si tratta di un soggetto di circa 47 anni, residente nel centro storico del comune di Castellammare di Stabia, individuato grazie alle indagini del nucleo di Polizia Giudiziaria ed al video non oscurato che lo stesso Borrelli ha fatto avere alla Guardia Costiera. Il soggetto, una volta identificato, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria di Torre Annunziata per i reati di danneggiamento aggravato e pesca illegale di datteri di mare”.

Specifica Borrelli: “gli uomini della Capitaneria di Porto mi hanno contattato chiedendomi i dettagli del video, chi me l’avesse inviato e la versione non oscurata. Ho fornito loro subito il materiale che mi avevano chiesto compreso altre foto che il segnalante mi aveva inviato. I datteri di mare, è bene ricordarlo, sono molluschi dal guscio lungo e di colore marrone, che si nutrono di plancton, alghe e detriti. Hanno una crescita estremamente lenta…, si pendi che per raggiungere cinque centimetri di lunghezza impiegano dai 15 ai 35 anni. Per i datteri di mare, vige un divieto assoluto di pesca. Il motivo è molto semplice: per catturarli bisogna distruggere il loro habitat, ovvero le rocce in cui vivono, avvalendosi di martelli pneumatici, picconi o cariche esplosive – come dimostrato dal bagnante di Castellammare. Questo determina l’alterazione dei fondali marini e la distruzione di un intero ecosistema”.

Borrelli in conclusione dichiara: “mi complimento con la Guardia Costiera che ha agito con rapidità dimostrando che i reati e le devastazioni ambientali non vanno tollerati e anzi vanno perseguiti senza alcuna esitazione. Serve tolleranza zero anche con chi devasta e inquina il nostro mare”.