Intensa e capillare è stata l’attività di prevenzione e controllo del territorio realizzata negli ultimi giorni dalla Polizia di Stato in tutto il territorio ibleo

CON RECENTI DISPOSIZIONI, IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI RAGUSA, DR. VINCENZO TROMBADORE HA POTENZIATO I SERVIZI DI CONTROLLO DEL TERRITORIO IN ADERENZA ALLE TEMATICHE DI SETTORE APPROFONDITE IN PREFETTURA IN SEDE DI COMITATO PROVINCIALE PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA, METTENDO IN CAMPO NUMEROSE PATTUGLIE PER ATTUARE MISURE DI VIGILANZA RAFFORZATE CON LA FINALITÀ DI GARANTIRE LA SICUREZZA DEI CITTADINI PREVENENDO TUTTI QUEGLI ATTI CHE TURBANO LA CONVIVENZA CIVILE

116

Intensa e capillare è stata l’attività di prevenzione e controllo del territorio realizzata negli ultimi giorni dalla Polizia di Stato in tutto il territorio ibleo. Con recenti disposizioni, il Questore della provincia di Ragusa, Dr. Vincenzo Trombadore ha potenziato i servizi di controllo del territorio in aderenza alle tematiche di settore approfondite in Prefettura in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, mettendo in campo numerose pattuglie per attuare misure di vigilanza rafforzate con la finalità di garantire la sicurezza dei cittadini prevenendo tutti quegli atti che turbano la convivenza civile.

Le pattuglie della Polizia di Stato hanno effettuato specifiche attività di controllo del territorio nei comuni di Ragusa, Vittoria, Comiso, Modica, Acate e Scicli, prestando particolare attenzione a quelle aree di maggior degrado in cui è maggiormente probabile la consumazione di reati e il proliferare di fenomeni di particolare allarme sociale. La specifica attività operativa ha comportato l’impiego di pattuglie della Polizia di Stato che nell’ambito di un articolato servizio di osservazione perlustrazione e controllo dinamico di autovetture in transito hanno eseguito accurati controlli procedendo anche a perquisizioni veicolari e personali. Inoltre, specifici servizi straordinari di controllo del territorio sono stati predisposti dall’Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza, con la condivisione dei Comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, a Chiaramonte Gulfi dove pattuglie della Polizia di Stato, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, con il supporto specialistico di pattuglie della Polizia Stradale e del Reparto Prevenzione Crimine di Catania richieste dal Questore Trombadore al Dipartimento della Pubblica Sicurezza per un’attività più incisiva, hanno effettuato molteplici posti di controllo che hanno consentito di identificare numerose persone, controllare veicoli ed elevare diversi verbali di contestazioni al Codice della Strada. Nel complesso della capillare attività attuata dal dispositivo in provincia, la Polizia di Stato ha identificato complessivamente 2.265 persone, tra cui molti pregiudicati, mentre i veicoli controllati nei posti di controllo sono stati 1.187; le violazioni di varia natura al C.d.S. elevate a carico dei conducenti dei veicoli sono state complessivamente 136.

In tale contesto sono stati rintracciati sul territorio 10 stranieri irregolari che dopo le verifiche eseguite dall’Ufficio Immigrazione della Questura sono stati espulsi dal territorio nazionale. E’ ferma intenzione del Questore della provincia di Ragusa proseguire con programmata frequenza i servizi di prevenzione e controllo del territorio finalizzati a garantire un durevole effetto di deterrenza e repressione delle condotte illecite sul territorio anche sulla base di una crescente domanda sociale di Sicurezza da parte dei cittadini.