La lettera aperta del signor BiGiu di Messina, indirizzata all’ingegnere Gaetano Sciacca, direttore del Centro regionale per l’impiego cioè l’ex Collocamento ed agli altri soggetti ed enti menzionati

LE CHIEDO: "PER FARE IL BIDELLO, C'E' BISOGNO DELLA QUALIFICA PROFESSIONALE?"

731

La lettera aperta del signor BiGiu di Messina, indirizzata all’ingegnere Gaetano Sciacca, direttore del Centro regionale per l’impiego cioè l’ex Collocamento ed agli altri soggetti ed enti menzionati: “#CPI #Messina – #RegioneSiciliana – #AssessoratoallaFamigliaPolitichesocialiLavoro – #Assessore AntonioScavone”.

Ecco l’oggetto del testo inviato:

  • N° 4 unità richieste come -collaboratore scolastico-bidello-;
  • Titolo di studio richiesto: assolvimento scuola dell’obbligo;
  • N° 403 partecipanti;
  • N° 399 -esonerati- per -qualifica- non posseduta;
  • N° 4 unità su 403, selezionati perchè avrebbero la -qualifica-.

Queste invece, sono le motivazioni espresse dall’esponente: “egr. ing. Gaetano Sciascia, le chiedo nella sua qualità di dirigente dello CPI di Messina, per fare il bidello o il collaboratore scolastico c’è bisogno della -qualifica professionale-? Non basta un diploma o una laurea? A cosa serve indire una selezione dove si richiedono lo status di disoccupato e un reddito basso per poter entrare in graduatoria se poi viene richiesta la -qualifica professionale- di bidello?”.

“Come si fa, ad acquisire tale qualifica considerato che lo Stato non indice corsi professionali per il rilascio di attestazione per poter esercitare tale -prestazione lavorativa- presso le pubbliche amministrazioni e dove l’unico modo per acquisirla è partecipare alla selezione per bidello, dalla quale si viene esonerati se non si possiede la qualifica? Come vogliamo permettere, a chi ad esempio riceve il reddito di cittadinanza ma vorrebbe lavorare, invece che sentirsi -inutile- e sentirsi insultato, giudicato e schifato da gran parte dell’opinione pubblica, di rientrare nel mondo del lavoro o dargli una opportunità con questi sistemi?”.