La Polizia di Stato di Caltanissetta ha eseguito 55 misure cautelari per i reati di associazione di tipo mafioso, intestazione fittizia di beni, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti [Video]

L’ORDINANZA APPLICATIVA DELLA MISURA CAUTELARE PERSONALE DETENTIVA, È STATA EMESSA DAL G.I.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA, NEL CORSO DELLE INDAGINI PRELIMINARI, SU RICHIESTA DELLA LOCALE DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA: I SOGGETTI DESTINATARI DELLA MISURA CAUTELARE, SONO INDAGATI, A VARIO TITOLO, PER I REATI DI ASSOCIAZIONE DI TIPO MAFIOSO, INTESTAZIONE FITTIZIA DI BENI, ESTORSIONE E TRAFFICO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

258

La Polizia di Stato di Caltanissetta ha eseguito 55 misure cautelari per i reati di associazione di tipo mafioso, intestazione fittizia di beni, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti.

L’ordinanza applicativa della misura cautelare personale detentiva, è stata emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Caltanissetta, nel corso delle Indagini Preliminari, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica: i soggetti destinatari della misura cautelare, sono indagati, a vario titolo, per i reati di associazione di tipo mafioso, intestazione fittizia di beni, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti. Reati aggravati dalla disponibilità, in capo agli associati, di armi (anche da guerra) ed esplosivi. 500 uomini della Polizia di Stato hanno operato al fine di eseguire le misure cautelari. La Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Caltanissetta ha anche disposto di procedere alla perquisizione di tutti gli indagati e dei luoghi nella loro disponibilità per ricercare armi e droga. Alla complessa attività di Polizia Giudiziaria hanno partecipato oltre alla Squadra Mobile di Caltanissetta, anche gli Uffici della S.I.S.C.O. di Caltanissetta e del Commissariato di P.S. di Gela. Inoltre sono stati impiegati gli operatori delle Squadre Mobili di Catania, Agrigento, Palermo, Enna, Trapani, Siracusa, Ragusa e Padova, delle S.I.S.C.O. di Venezia, Messina, Catania e Palermo, del Reparto Volo di Palermo, dei Reparti Prevenzione Crimine di Catania, Palermo, Vibo Valentia, Cosenza e Siderno, delle Unità Operative di Pronto Intervento di Napoli e Palermo, delle Unità Cinofile di Catania e Palermo, del Servizio Polizia Scientifica di Roma, del Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica di Palermo e del Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica di Caltanissetta. Al fine di garantire l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, considerata la complessa attività di Polizia Giudiziaria che ha interessato 55 soggetti destinatari della misura cautelare, il Questore di Caltanissetta Pinuccia Albertina Agnello, ha emesso una specifica ordinanza impiegando altri 50 uomini in servizio di Ordine Pubblico.

Ulteriori dettagli sono stati forniti nel corso della conferenza stampa che si è tenuta alle ore 10.00 nell’aula Emanuela Loi della Questura di Caltanissetta, alla presenza dei vertici della D.D.A. e della Polizia di Stato.

Accetta i cookies di YouTube per vedere questo video. Avrai così accesso a questo servizio offerto da terze parti.

YouTube privacy policy

Se accetti, la tua scelta sarà salvata e la pagina verrà aggiornata.