La ricorrenza delle festività pasquali di quest’anno, inserite in un periodo storico particolarmente delicato a causa di eventi di estrema gravità, quali il perdurare del contesto internazionale e, da ultimo, l’attentato terroristico compiuto nei giorni scorsi a Mosca, ha reso necessario la predisposizione di servizi di controllo e vigilanza interforze a protezione del maggior afflusso turistico in provincia ennese

NELLE GIORNATE DAL 29 MARZO AL 1° APRILE 2024, SONO STATE 471 LE PERSONE CONTROLLATE E 309 I VEICOLI CONTROLLATI; 16 LE CONTESTAZIONI DI VIOLAZIONI DELLE NORME DEL CODICE DELLA STRADA E 3 LE AUTOVETTURE SEQUESTRATE

177

La ricorrenza delle festività pasquali di quest’anno, inserite in un periodo storico particolarmente delicato a causa di eventi di estrema gravità, quali il perdurare del contesto internazionale e, da ultimo, l’attentato terroristico compiuto nei giorni scorsi a Mosca, ha reso necessario la predisposizione di servizi di controllo e vigilanza interforze a protezione del maggior afflusso turistico in provincia ennese.

Nelle giornate dal 29 marzo al 1° aprile 2024, sono state 471 le persone controllate e 309 i veicoli controllati; 16 le contestazioni di violazioni delle norme del Codice della Strada e 3 le autovetture sequestrate. E’ il bilancio delle attività di controllo straordinario del territorio, con l’impiego di oltre 50 pattuglie, di tutte le forze di Polizia, della Polizia Locale e della Polizia Provinciale coordinate da apposita ordinanza del Questore di Enna, su indicazioni derivate da una riunione di Comitato Provinciale e Sicurezza Pubblica tenutasi in Prefettura.