La Segreteria Generale Provinciale dell’Unione Sindacale Italiana Poliziotti, unico Sindacato confederato con la UIL, sin dal 2 luglio dello scorso anno aveva sottoposto all’allora Sig. Questore di Messina, Dr. Vito CALVINO, la questione di degrado generale e del c.d. “parcheggio selvaggio” che da decenni caratterizzano Via S. Giovanni di Malta e Via Gran Priorato

SONO STRADE CHE DELIMITANO L’EDIFICIO DELLA QUESTURA E DELLA PREFETTURA DI MESSINA

0
79

La Segreteria Generale Provinciale dell’Unione Sindacale Italiana Poliziotti, unico Sindacato confederato con la UIL, sin dal 2 luglio dello scorso anno aveva sottoposto all’allora Sig. Questore di Messina, Dr. Vito CALVINO, la questione di degrado generale e del c.d. “parcheggio selvaggio” che da decenni caratterizzano Via S. Giovanni di Malta e Via Gran Priorato, strade che delimitano l’edificio della Questura e della Prefettura di Messina.

Proprio accanto ai palazzi istituzionali tra i più rilevanti della città peloritana, sotto gli occhi dei cittadini e delle stesse autorità provinciali e locali di Pubblica Sicurezza, da decenni automobilisti indisciplinati, contravvenendo sistematicamente ai divieti del Codice della Strada, parcheggiano sulle corsie di marcia delle summenzionate vie creando rallentamenti e ingorghi, giungendo finanche ad invadere i marciapiedi ed impedirne il naturale utilizzo pedonale. Per troppo tempo tale questione ha arrecato disagi non soltanto al personale della Polizia di Stato che giornalmente presta servizio negli uffici della Questura ma anche all’intera cittadinanza per ovvie motivazioni di decoro urbano e traffico veicolare congestionato.

In considerazione di ciò la Segreteria Provinciale USIP di Messina, previe intese con il Sig. Questore, ha inoltrato istanza all’Assessorato alla Mobilità Urbana del Comune di Messina, con la quale ha chiesto che venissero realizzati regolari stalli, lungo Via San Giovanni di Malta e Via Gran Priorato, da adibire a parcheggi da destinare alle autovetture del personale in servizio presso questa Questura ed introducendo altresì anche stalli per soggetti disabili.

Tutto ciò al fine di risolvere definitivamente tale annosa questione, venendo cioè incontro per un verso all’esigenza di tutto quel personale della Polizia di Stato che ha la necessità di raggiungere celermente gli uffici nevralgici della Questura per assolvere ai compiti istituzionali cui sono preposti e per un altro verso sanare e regolamentare l’uso dei parcheggi cosicché da realizzare contestualmente una sorta di ”cordone di sicurezza” intorno ad un edificio, dichiaratamente “obiettivo sensibile”, come quello che ospita sia la Questura che la Prefettura di Messina.

A seguito di tale richiesta, si sono tenuti alcuni tavoli tecnici con l’Assessore alla Viabilità Urbana Ing.re Salvatore Mondello, a cui hanno preso parte attiva i componenti la Segreteria Provinciale USIP, nonché diversi sopralluoghi effettuati dallo stesso personale dell’Ufficio Tecnico dell’Assessorato ed a conclusione dei quali è stata constatata la concreta possibilità di poter realizzare – come richiesto da questa Segreteria Provinciale – numerosi stalli nel pieno rispetto delle norme vigenti, mantenendo inalterata l’attuale viabilità ed infine garantendo anche il transito pedonale di mt. 1,50 mediante installazione di apposite transenne, come si evince dal progetto elaborato dal medesimo Ufficio Tecnico.

Orbene, nella mattinata di ieri, l’Assessore Ing.re Salvatore MONDELLO, al quale và il nostro più sentito ringraziamento per l’impegno profuso e la sensibilità mostrata, comunicava a questa Organizzazione Sindacale USIP che, avendo acquisito il nulla osta da parte della Questura di Messina, aveva contestualmente emesso la relativa ordinanza (che provvedeva ad anticipare per email in copia con relativo progetto allegato) con la quale autorizzava i lavori per la realizzazione degli stalli nelle suddette vie cittadine.