“La storia di Vincenzo Franchina, a soli 36 anni vittima della tragedia di Suviana sull’Appenino bolognese, dove è esplosa la centrale Enel, è la storia di tanti siciliani costretti a lasciare la propria terra per trovare lavoro: Vincenzo viveva a Genova e era nella centrale per ragioni di lavoro”

A SOTTOLINEARLO IN UN POST PUBBLICATO OGGI 10 APRILE 2024 SULLA SUA OMONIMA PAGINA FACEBOOK, È STATA LA SENATRICE MESSINESE DAFNE MUSOLINO... DEL 'GRUPPO' DI 'ITALIA VIVA'... PRESSO 'PALAZZO MADAMA' A ROMA

182

“La storia di Vincenzo Franchina, a soli 36 anni vittima della tragedia di Suviana sull’Appenino bolognese, dove è esplosa la centrale Enel, è la storia di tanti siciliani costretti a lasciare la propria terra per trovare lavoro: Vincenzo viveva a Genova e era nella centrale per ragioni di lavoro”. A sottolinearlo in un Post pubblicato oggi 10 aprile 2024 sulla sua omonima Pagina Facebook, è stata la senatrice messinese Dafne Musolino… del ‘Gruppo’ di ‘Italia Viva’… presso ‘Palazzo Madama’ a Roma.

La Musolino ha aggiunto: “insieme ad Enza, sua moglie, aveva mantenuto un fortissimo legame con la sua terra, con la Sicilia e con Sinagra dove era tornato l’anno scorso proprio per sposarsi. Ancora una volta la Sicilia paga un tributo altissimo con la perdita di un suo figlio costretto ad andare via per l’incapacità della nostra terra di dare lavoro e opportunità di sviluppo ai suoi figli”.

In conclusione la Musolino ha evidenziato: “mi addolora profondamente la sua scomparsa e sento di porgere le mie più sincere condoglianze alla famiglia, alla moglie Enza, alla comunità di Sinagra ed al loro Sindaco Antonino Musca”.