L’ex vice ministro delle Infrastrutture ed ex volto del Movimento 5 stelle in Sicilia, Giancarlo Cancelleri, passa a Forza Italia: cerimoniere di una metamorfosi impensabile appena qualche mese fa è il governatore siciliano Renato Schifani, che accoglie Cancelleri nella convention di Forza Italia al Teatro Politeama di Palermo

“CHI NON CAMBIA MAI IDEA NON CAMBIA MAI NULLA“, SCHERZA L’EX M5S, CHE PER DUE VOLTE È STATO CANDIDATO GOVERNATORE IN SICILIA CONTRO IL CENTRODESTRA, PARLANDO CON I CRONISTI AL TERMINE DELLA CONVENTION CHE LO VEDE INIZIARE IL SUO PERCORSO “DA ATTIVISTA” NEGLI AZZURRI

276

Testo…, tratto da… www.dire.it!

L’ex vice ministro delle Infrastrutture ed ex volto del Movimento 5 stelle in Sicilia, Giancarlo Cancelleri, passa a Forza Italia: cerimoniere di una metamorfosi impensabile appena qualche mese fa è il governatore siciliano Renato Schifani, che accoglie Cancelleri nella convention di Forza Italia al Teatro Politeama di Palermo. “Chi non cambia mai idea non cambia mai nulla“, scherza l’ex M5s, che per due volte è stato candidato governatore in Sicilia contro il centrodestra, parlando con i cronisti al termine della convention che lo vede iniziare il suo percorso “da attivista” negli azzurri.

“IN FI HO TROVATO UNA FAMIGLIA CON DEI VALORI”
“Oggi c’è una famiglia di valori che mi può accogliere e che lo ha fatto nonostante io abbia espresso delle parole dure, anche nei confronti di Schifani, in campagna elettorale – ancora Cancelleri -. Schifani ha voluto andare oltre e io mi sono reso conto che probabilmente in passato ho fatto delle valutazioni errate: invece di continuare a fare degli errori ho cambiato”. E a chi gli chiede se rinneghi il passato, Cancelleri risponde: “Non rinnego nulla. In questi dieci anni ho lavorato per i siciliani, anche quando ero a Roma. Perché dovrei rinnegare quel lavoro e quei sacrifici? Non rinnego neanche la mia militanza nel M5s e l’avere creato un movimento che ha fatto parte della storia democratica di questo Paese, ma che oggi non mi appartiene più. Io oggi aderisco a Forza Italia“.

L’ex vice ministro delle Infrastrutture, che nei giorni scorsi aveva annunciato l’addio ai pentastellati, arriva a convention già iniziata e prende posto in seconda fila, dietro a Schifani. Il governatore lo chiama in causa sul finale del proprio intervento, lui si alza e saluta i nuovi compagni di partito, accolto in verità da un timido applauso. Schifani spiega: “C’è un’area moderata di centro che Forza Italia, dopo il fallimento del terzo Polo, deve intercettare. Abbiamo il dovere di essere aperti a dialogo e di non chiedere le porte, come non le abbiamo chiuse nei confronti di Cancelleri che accolgo con piacere. Ho seguito la sua attività al ministero delle Infrastrutture e posso dire che ha sempre tutelato gli interessi della Sicilia con grande spirito istituzionale”.