MILAZZO (ME); TRE PERSONE PALERMITANE, DI CUI UNA MINORENNE, ARRESTATE DAI CARABINIERI PER FURTO AGGRAVATO.

COMUNICATO STAMPA 6 FEBBRAIO 2018

0
206
CC-Milazzo

Prosegue senza sosta l’impegno dei Carabinieri della Compagnia di Milazzo al fine di assicurare con l’attività di prevenzione, specie quella tesa a infrenare i reati di tipo predatorio, maggiori standard di sicurezza per i cittadini.

Grazie all’attuazione di programmati servizi per la prevenzione ed il contrasto dei reati contro il patrimonio è risultato efficace l’intervento effettuato dai Carabinieri della Stazione di Milazzo, i quali, nel pomeriggio di ieri, hanno assicurato alla giustizia un’altra banda di ladri, tutti palermitani, colti in flagranza del reato di furto aggravato.

In tale contesto si è sviluppata l’attività che ha consentito di assicurare alla giustizia un giovane e due donne, di cui una minorenne, i quali, all’interno del centro Commerciale “Parco Corolla – IPERCOOP” di Milazzo, dopo aver danneggiato i dispositivi antitaccheggio ritenendo di farla franca, si erano impossessati di vari articoli di profumeria per un valore complessivo di circa 800 euro.

Tale azione però non è passata inosservata ai militari dell’Arma in servizio preventivo all’esterno del citato centro commerciale, che insospettiti dalla presenza di questi tre individui che si aggiravano per il centro commerciale, tempestivamente riuscivano ad intervenire, bloccando i malviventi e traendoli in arresto per furto aggravato.

La refurtiva, interamente recuperata è stata restituita ai legittimi proprietari, informata dai Carabinieri circa l’accaduto.

I tre malfattori, identificati in CARDINALE Giuseppa, cl. 1973, LA SPISA Cristian cl. 1991 ed una diciassettenne, tutti nati e domiciliati a Palermo, dopo le formalità di rito, su disposizione dell’A.G. sono stati tradotti, rispettivamente, presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi la CARDINALE, presso la Casa Circondariale di Barcellona P.G. il LA SPISA e presso il Centro di Prima Accoglienza di Caltanissetta la minore, in attesa della citazione diretta a giudizio prevista per il pomeriggio odierno.

Donato Grimaldi Fotografia